news

---ULTIM'ORA NAZIONALI

ULTIME NOTIZIE - Cambia il decreto rave, escluse le manifestazioni- Von der Leyen 'Creeremo un tribunale sui crimini della Russia'- Meloni convoca i sindacati. Un tesoretto da 400 milioni- Elkann: 'Le dimissioni del Cda un atto di responsabilità'- Mattarella firma la manovra. Soglia a 60 euro per il Pos-

TOP NEWS

TOP NEWS REGIONE ABRUZZO

CENTROABRUZZONEWS CANALE VIDEO IN DIRETTA STREAMING SUL WEB E SU SMART TV

Canale VIDEO - CENTROABRUZZONEWS

martedì 22 novembre 2022

COMINCIA IL 28 NOVEMBRE IL TOUR DI RITORNO DI FINA, PRIMA LA PROVINCIA DI CHIETI E POI LA VALLE PELIGNA, PER PROSEGUIRE IN TUTTA LA REGIONE: “SCELTA DI SERIETÀ E RESPONSABILITÀ”


L'AQUILA - Comincia nei territori dei comuni della provincia di Chieti il “tour di ritorno” di Michele Fina, segretario del Partito Democratico abruzzese recentemente eletto in Senato. Lunedì 28 novembre Fina sarà a Roccamontepiano, Guardiagrele, Lanciano, Atessa, Paglieta, Tollo, Francavilla al Mare, San Giovanni Teatino e Chieti. Lunedì 5 dicembre sarà la volta della Valle Peligna, per proseguire nelle settimane successive fino a tornare in tutti i comuni visitati nel corso della campagna elettorale, con l’intenzione di aggiungerne altri in cui il risultato del Pd è stato particolarmente positivo.
 “La considero una scelta di serietà – dichiara Fina – visto che nel corso di una campagna elettorale molto difficile che abbiamo scelto di affrontare a viso aperto, strada per strada, piazza per piazza, si ascoltano le persone e si prendono impegni che voglio mantenere. Dal 15 agosto al 23 settembre, giorno di chiusura della campagna elettorale, con chi generosamente ha voluto essere al mio fianco, tra cui molti giovani, ho percorso oltre tredicimila chilometri e sono stato in più di cinquanta comuni: scegliamo di tornarci e di andare in quelli che non abbiamo avuto modo di visitare e dove il Pd ha riscosso i maggiori consensi, per ringraziare e per rinnovare il dialogo, per rendere conto del lavoro svolto e da svolgere, ascoltando amministratori e dirigenti locali. Si tratta, come nel caso dell’Albero dell’Impegno con cui ricapitoliamo cosa e quanto facciamo in Parlamento, di interpretare il mandato istituzionale come una responsabilità, essere valutati per quanto si fa o non si fa piuttosto che ricordarsi del contatto e del dialogo diretto solo in occasione delle campagne elettorali, quando servono i voti”

Nessun commento: