news

---ULTIM'ORA NAZIONALI

ULTIME NOTIZIE - In arrivo pioggia e neve per il ponte dell'Immacolata- Città ucraine sotto attacco. Putin visita ponte in Crimea- Da 6 anni malato di sclerosi 'Aiutatemi a morire in Italia'- Un razzo caduto in Moldavia. Città ucraine sotto attacco- Il gas corre ad Amsterdam (+9,2%), timori per il freddo- Attacchi di hacker russi a siti di istituzioni italiane-

TOP NEWS

TOP NEWS REGIONE ABRUZZO

ABRUZZO DOSSIER - PREMIO AQUILA D'ORO 2022

CENTROABRUZZONEWS CANALE VIDEO IN DIRETTA STREAMING SUL WEB E SU SMART TV

Canale VIDEO - CENTROABRUZZONEWS

mercoledì 11 maggio 2022

" L’ARTE SPOSA LO ZAFFERANO E SI MOSTRA NEL MUSEO DI NAVELLI"

NAVELLI -" Lo zafferano come fonte d’ispirazione per realizzare opere d'arte coinvolgenti e dal forte valore aggiunto. L’iniziativa voluta dalla prestigiosa associazione Nicola Zabaglia di Roma, in collaborazione con il comune di Navelli e il consorzio per la tutela dello zafferano dell’Aquila DOP, si chiama “Zafferano,  l’oro che germoglia” è stata trasformata in una mostra permanente. Le opere d'arte dopo il successo ottenuto nella ex cartiera Latina sull'Appia Antica a Roma sono ora presenti nella sede di palazzo De Roccis a Navelli e saranno visitabili sino al 22 maggio. “Invitiamo tutti ad immergersi in un'atmosfera che mescola bene opere d’arte e la bellezza della natura sublimata dallo zafferano”, ha detto il sindaco di Navelli Paolo Federico, “la mostra è stata realizzata da decine di artisti che ringrazio, mentre le opere saranno donate dall’associazione al comune di Navelli. Continuiamo, dunque, con la promozione del territorio che passa anche e soprattutto attraverso i suoi pregiati frutti”. La mostra visitabile dal lunedì al venerdì dalle 16 alle 19 replica anche il sabato e la domenica mattina, anche,  dalle 10 alle 13.



 Lo zafferano, oltre ad aver intrecciato la sua storia con quella dell’uomo ha da sempre affascinato artisti e poeti, basti pensare a Omero nell’Iliade dove lo zafferano veniva usato niente meno che da Zeus per giaciglio. Un connubio che continua nella modernità con la mostra a palazzo de Roccis. 


Nessun commento: