news

---ULTIM'ORA NAZIONALI

ULTIME NOTIZIE - Polemica sull'sos inascoltato 4 giorni prima. Otto le vittime e ancora quattro dispersi- Manovra, flat tax a 85mila euro.Ma si attende il sì dell'Ue- Allerta per le regioni del Sud, atteso nuovo ciclone- L'abusivismo al centro delle indagini. Tra le 8 vittime anche Michele, di 15 anni-

TOP NEWS

TOP NEWS REGIONE ABRUZZO

CENTROABRUZZONEWS CANALE VIDEO IN DIRETTA STREAMING SUL WEB E SU SMART TV

Canale VIDEO - CENTROABRUZZONEWS

venerdì 27 maggio 2022

KOEN BOUWMAN VINCE LA DICIANNOVESIMA TAPPA DEL GIRO D’ITALIA. RICHARD CARAPAZ E’ ANCORA IN MAGLIA ROSA

Santuario di Castelmonte, 27 maggio 2022 – Koen Bouwman (Jumbo-Visma) ha vinto la diciannovesima tappa del 105^ Giro d'Italia, la Marano Lagunare-Santuario di Castelmonte di 177 km.Al secondo e terzo posto si sono classificati rispettivamente Mauro Schmid (Quick-Step Alpha Vinyl Team) e Alessandro Tonelli (Bardiani-CSF-Faizanè).Richard Carapaz (Ineos Grenadiers) conserva la Maglia Rosa di leader della Classifica Generale.RISULTATO DI TAPPA1 - Koen Bouwman (Jumbo-Visma) - 177 km in 4h32’55’’, alla media di 39.133 km/h 2 - Mauro Schmid (Quick-Step Alpha Vinyl Team) s.t. 3 - Alessandro Tonelli (Bardiani-CSF-Faizanè) a 3"


CLASSIFICA GENERALE

1 - Richard Carapaz (Ineos Grenadiers)

2 - Jai Hindley (Bora-Hansgrohe) a 3"

3 - Mikel Landa Meana (Bahrain Victorious) a 1'05"





LE MAGLIE UFFICIALI

Le Maglie di leader del Giro d’Italia sono prodotte con tessuti SITIP e disegnate da CASTELLI.


Maglia Rosa, leader della Classifica Generale, sponsorizzata da Enel - Richard Carapaz (Ineos Grenadiers)

Maglia Ciclamino, leader della Classifica a Punti, dedicata al Made in Italy - Arnaud Démare (Groupama-FDJ)

Maglia Azzurra, leader del Gran Premio della Montagna, sponsorizzata da Banca Mediolanum - Koen Bouwman (Jumbo-Visma)

Maglia Bianca, leader della Classifica dei Giovani, sponsorizzata da Intimissimi Uomo - Juan Pedro Lopez (Trek - Segafredo)



Pochi secondi dopo aver attraversato il traguardo, il vincitore Koen Bouwman (Jumbo-Visma) ha dichiarato: "Dopo aver vinto a Potenza ho detto che qualsiasi cosa sarebbe arrivata di lì in poi sarebbe stata un bonus. Oggi ho corso per i punti della Maglia Azzurra e sono felice di averla quasi blindata. Sapevo che l'ultima curva era a gomito ma non immaginavo così tanto. Ho dovuto anche frenare ma fortunatamente ero nella posizione migliore e trovarmi là mi ha permesso di vincere. Sono felicissimo." 


La Maglia Rosa Richard Carapaz (Ineos Grenadiers) subito dopo l'arrivo ha detto: "E' stata una tappa dura. E' un peccato avere perso Richie Porte nelle prime fasi di corsa ma la squadra ha fatto un grande lavoro con Pavel Sivakov che è in formissima. La lotta per il Giro è emozionante, siamo tre corridori allo stesso livello. Vedremo come andrà domani, accetterò qualsiasi risultato." 



CONFERENZA STAMPA

Koen Bouwman ha dichiarato in conferenza stampa: “Nella penultima salita mi sentivo bene e credevo di poter staccare i miei compagni di fuga ma ho pensato che fossimo troppo lontani dal traguardo per un'azione del genere. Abbiamo cooperato in testa fino agli ultimi metri. Sapevo di avere un buono spunto e di essere più veloce degli altri. Non sentivo pressioni perchè avevo già una vittoria di tappa, inizialmente volevo solo raccimolare più punti possibili per la conquista della Maglia Azzurra e sono felice di averla quasi blindata. Il merito è da condividere con Edoardo Affini e i corridori di Groupama-FDJ e Quick Step che dietro nel gruppo hanno lavorato per consentire alla fuga di arrivare.

Sapevo che c'era una curva a 150 metri, ho dovuto frenare un po' così come gli altri. Credo di essere un corridore onesto e di non aver fatto nessuna scorrettezza. Mi merito questa vittoria”.


Richard Carapaz ha dichiarato: “Oggi mi sono sentito bene anche sull'ultima salita. È un dato importante in vista di quello che ci aspetta. Non credo che domani finiremo tutti e tre insieme, lo scenario dovrebbe essere diverso con un finale durissimo. In ogni caso preferisco avere un vantaggio di tre secondi piuttosto che dover inseguire. Mi piacerebbe conquistare una tappa ma è ancora più importante vincere il Giro. Abbiamo perso Richie Porte, si è sentito male poco dopo il via. Ha fatto del suo meglio ma purtroppo non è stato in grado di continuare. È una perdita notevole ma la nostra squadra è forte e motivata per domani. "

 

Nessun commento: