---ULTIM'ORA NAZIONALI

ULTIME NOTIZIE - Green Pass per i lavoratori 'Valga anche per le Camere'. Tamponi, prezzi calmierati- Giù gli indicatori, i ricoverati quasi tutti non vaccinati- Green Pass obbligatorio per gli statali e per i privati- Polizia smantella una rete di spaccio di droga nel Nord Est, 7 arresti- Capo jihadisti del Gran Sahara ucciso dalle forze francesi- -Salvini:'Nessun problema per centrale nucleare in Lombardia'- Draghi: 'Fare quello che si deve, anche se è impopolare'-

news

PRIMO PIANO

SULMONA INCONTRA "SPECIAL OLYMPICS"

SULMONA - “Che io possa vincere, ma se non riuscissi che io possa tentare con tutte le mie forze”. E’questo il giuramento dell’atleta Specia...

VIDEO IN PRIMO PIANO - CENTROABRUZZONEWS

CANALE DIRETTA STREAMING - CORDESCA 2021 FINALE

venerdì 30 luglio 2021

INCIDENTE STRADALE, MORTO FERNANDO RANALLI

SULMONA -  E’ morto durante la notte  all’ospedale dell’Annunziata, dove era ricoverato in condizioni gravissime, il 70 enne sulmonese Fernando Ranalli, coinvolto in un violento incidente stradale verificatosi sulla statale 17 ieri sera, tra Pettorano e Rocca Pia. Ranalli era alla guida dello scooter assieme al fratello e ad un amico quando sarebbe stato sbalzato contro un muro di cinta da una Merdeces che viaggiava sulla stessa direzione di marcia, condotta da un 70 enne di Teramo che sarà iscritto nel registro degli indagati come atto dovuto. L’ipotesi di reato è omicidio stradale. Un impatto violento che gli ha provocato un grave politrauma cranico e un’emorragia all’addome. La situazione era apparsa subito grave agli occhi dei soccorritori visto che il 70 enne aveva perso conoscenza. E’ iniziata la corsa in ospedale per gli accertamenti del caso e per il disperato tentativo di stabilizzarlo. Purtroppo il suo cuore non ha retto e ha cessato di battere. Un fulmine al ciel sereno, l’ennesimo, che piomba sulla città profondamente scossa per quanto accaduto. D’altronde alzi la mano chi non conosceva Ranalli. Il 70 era Presidente della Federazione provinciale di ciclismo. Una lunga esperienza cominciata nel 1974 come consigliere regionale della Fci per poi diventare fiduciario provinciale e successivamente presidente. Non c’era un evento e un’iniziativa che non vedeva il suo personale coinvolgimento e contributo. L’uomo del fare che non si tirava mai indietro. Di sfide ne ha affrontate tante ma il crudele destino gli ha presentato oggi quella più grande. Per lui, il traguardo, è arrivato troppo presto.

Nessun commento:

Posta un commento

VIDEO IN PRIMO PIANO :