---ULTIM'ORA NAZIONALI

ULTIME NOTIZIE NAZIONALI - In 24 ore 434 morti, è record. Sono 228.179 i nuovi casi- Ema: ' Quarta dose ai fragili. Vaccini sicuri in gravidanza'- 'La pandemia non è finita Da Omicron nuove varianti'- Contro il caro bollette fondi per 10 miliardi- Metsola al Parlamento europeo E' la presidente più giovane- Grillo indagato a Milano per contratti con Moby- Figliuolo: 'Italia terza in Ue per dosi somministrate'- La nuova mossa di Salvini. 'Un nome convincente per tutti'-

news

TOP NEWS

TOP NEWS

VIDEO IN PRIMO PIANO - CENTROABRUZZONEWS

CANALE DIRETTA STREAMING - CORDESCA 2021 FINALE

sabato 8 maggio 2021

BRUCELLOSI OVICAPRINA, "INTENSO LAVORO DEL SERVIZIO VETERINARIO PER ELIMINARLA DAL TERRITORIO PROVINCIALE, CONTRIBUENDO A RENDERE TUTTA LA REGIONE ESENTE DALLA MALATTIA"

L'AQUILA - "Nel comprensorio provinciale, controllati nell’ultimo triennio 90.000 capi adulti.90.000 capi adulti controllati negli ultimi 3 anni nell’azione finalizzata a eliminare la brucellosi ovicaprina. È uno dati salienti dell’attività svolta dal servizio veterinario di Sanità Animale, guidato dal direttore facente funzioni, dr. Mario Mazzetti, in tutto il territorio provinciale di L’Aquila. Un impegno a 360 gradi con cui la Asl Avezzano-Sulmona-L’Aquila, nell’ambito dell’attività del Dipartimento di Prevenzione, ha contribuito a far sì che la Regione venisse riconosciuta dalla Commissione Europea, unitamente alle altre province, indenne dalla brucellosi. Quest’ultima è una zoonosi, cioè una patologia (di origine batterica) che si trasmette dagli animali all’uomo il quale può contrarla attraverso il consumo di alimenti prodotti con latte crudo e formaggi freschi e per il contatto con materiale biologico o animali infetti. La bonifica del territorio provinciale dalla brucellosi costituisce un grande risultato, frutto dell’intensificazione dei controlli del Servizio Veterinario Asl. Nell’ultimo triennio, in particolare, gli operatori della Sanità animale hanno controllato costantemente e in modo capillare il 100% degli allevamenti ovini e caprini presenti nel comprensorio della provincia. Si è trattato di oltre 1.500 allevamenti, comprensivi di 90.000 capi adulti, che sono stati identificati e registrati in anagrafe. I controlli, oltre a garantire la salute pubblica e ad assicurare i livelli essenziali, hanno permesso di eliminare del tutto la brucellosi dal territorio provinciale. Tra i vantaggi, legati a questa intensa azione contro la malattia, ci sono quelli a beneficio della zootecnia e, di riflesso, dei prodotti caseari. Il risultato conseguito consentirà di ridurre la percentuale di aziende da sottoporre a verifiche ma questo non abbasserà il livello di sorveglianza poiché gli spostamenti di animali verso i pascoli rappresentano comunque un rischio da monitorare con attenzione.
“Il patrimonio zootecnico della nostra provincia e dell’Abruzzo,”, dichiara il Manager Roberto Testa, “è un bene prezioso da salvaguardare con attenzione, strettamente legato alla sicurezza nel consumo di alcuni prodotti alimentari che derivano dagli allevamenti. Aver reso il nostro territorio esente dalla brucellosi è quindi un risultato a garanzia di tutta la comunità”

Nessun commento:

Posta un commento

VIDEO IN PRIMO PIANO :