---ULTIM'ORA NAZIONALI

ULTIME NOTIZIE - Gli statali di nuovo in ufficio. Allo sportello dal 15 ottobre- Brusaferro: 'Curva in calo tranne nella fascia 0-9 anni'- Alitalia, Manifestanti bloccano autostrada Roma-Fiumicino - 'G20 sull'Afghanistan, evitare catastrofe'- Svolta nel caso dell'ex vigilessa. Arrestate due delle tre figlie- Draghi: 'Un Patto per l'Italia'. Asse con Confindustria-

news

PRIMO PIANO

SULMONA, DENUNCIATO UN 46ENNE PER SPENDITA DI MONETE FALSIFICATE

SULMONA - " Nel pomeriggio di ieri, i carabinieri della Stazione di Sulmona hanno denunciato un 46enne italiano, ritenuto responsabile ...

VIDEO IN PRIMO PIANO - CENTROABRUZZONEWS

CANALE DIRETTA STREAMING - CORDESCA 2021 FINALE

giovedì 21 gennaio 2021

APPELLO A MARSILIO:"OPPORTUNO INSERIRE I GIORNALISTI ABRUZZESI E ALTRE CATEGORIE A RISCHIO NELLE PRIME FASI DELLE VACCINAZIONI"

L'AQUILA- #ContrordineAbruzzo (la Lista candidata alle elezioni per il rinnovo del Consiglio dell’Ordine dei Giornalisti) sollecita il Presidente della Regione Marco Marsilio, sulla base delle numerose richieste di colleghi arrivate in questi giorni e comunque nel rispetto delle priorità, AD INSERIRE I GIORNALISTI tra le categorie a rischio della campagna vaccinale avviata, insieme anche ad altri profili professionali come quanti operano nella scuola (amministrativi e personale non docente) e a stretto contatto con i malati e i loro famigliari (personale delle pulizie di ospedali e strutture di comunità, agenzie di pompe funebri). “Non si sta chiedendo di essere ammessi a godere di un privilegio, tant’è che si propone un ampliamento del fronte anche ad altre categorie oltre la nostra – così i candidati di Contrordine Abruzzo – ma di rispondere a un’oggettiva necessità di professionalità particolarmente esposte. Per quanto attiene ai giornalisti, fotografi e operatori, la richiesta nasce dal fatto che da quando è iniziata la pandemia, siamo da sempre in prima linea sia per raccontarne fatti, sviluppi e accadimenti, che per diffondere informazioni e provvedimenti, questo per quanti operano all’interno degli uffici stampa istituzionali, specie quelli più a contatto con l’emergenza.
Fatte salve le assolute priorità contemplate dai protocolli della campagna vaccinale, come giornalisti abruzzesi ci appelliamo al buonsenso di chi decide, auspicando che si prenda in considerazione una richiesta che nasce da esigenze concrete e una realtà di rischio tangibile, oltre che dalle esperienze di vita vissuta dai colleghi che hanno contratto il virus, anche applicando per primi, nello svolgimento del proprio lavoro, tutte le prescrizioni richieste per non esporsi al contagio”.

Nessun commento:

Posta un commento

VIDEO IN PRIMO PIANO :