---ULTIM'ORA NAZIONALI

ULTIME NOTIZIE - In Sardegna 2 focolai attivi: Un pastore salva 400 pecore- 'Le proteste No green pass non erano state autorizzate'- Garozzo argento nel fioretto 'Una sconfitta che fa male' Tiro a volo, Bacosi argento nello skeet donne- Garozzo in finale nel fioretto, Pellegrini semifinale nei 200- Italia argento nella 4x100 Martinenghi rana di bronzo- Ancora roghi in Sardegna. Chiesti aerei ai paesi Ue-

news

VIDEO IN PRIMO PIANO - CENTROABRUZZONEWS

giovedì 3 dicembre 2020

PRATOLA PELIGNA, APPROVATA DELIBERA BUONI SPESA

PRATOLA - "È stata approvata la delibera sui buoni spesa, attuativa della misura di solidarietà alimentare per i comuni italiani varata dal Governo: a Pratola Peligna spettano 58.039, 81 euro.I residenti nel Comune di Pratola Peligna, i cittadini di uno Stato dell'Ue, e i titolari di un titolo di soggiorno valido se cittadini di uno Stato non Ue, possono inoltrare la domanda fino al prossimo 14 dicembre 2020, utilizzando il modulo scaricabile dalla pagina principale del sito istituzionale del Comune, all'indirizzo www.comune.pratolapeligna.aq.it , e presentandola esclusivamente in via telematica all'indirizzo email protocollo@comune.pratolapeligna.aq.it , abilitato a ricevere anche da indirizzi di posta ordinaria.  Nell'oggetto dalla email dovrà essere riportata la dicitura "Istanza ammissione buoni spesa". Per la formazione della graduatoria degli ammessi alla concessione del buono spesa, il Comune di Pratola Peligna rispetterà il seguente ordine di priorità, in base alle linee di indirizzo del 30 marzo e 24 novembre 2020 dell'Associazione Nazionale Comuni Italiani (Anci).
L'appartenenza a nuclei familiari che a seguito dell'emergenza Coronavirus hanno subìto effetti economici negativi è il primo criterio rilevante, a cui verrà data precedenza assoluta. Pertanto, potranno beneficiare del buono spesa: i nuclei familiari in cui l'unica fonte di reddito è rappresentata dai proventi della propria attività commerciale/artigianale/professionale chiusa o sospesa, anche a carattere parziale, dal Dpcm del 3 novembre scorso e dall'ordinanza del Presidente della Regione Abruzzo che ha istituito la zona rossa; i nuclei familiari in cui l'unica fonte di entrata è poi rappresentata dai redditi da lavoratore dipendente di uno o più membri presso attività chiusa o sospesa dai provvedimenti richiamati in precedenza, senza attivazione degli ammortizzatori sociali, con ammortizzatori insufficienti o attivati ma non ancora erogati; i nuclei familiari in cui l'unica fonte di reddito deriva da attività lavorativa, anche precaria, saltuaria o stagionale, di uno o più membri in attività che sono state interrotte o sospese dalle disposizioni normative; chi ha subìto una contrazione superiore al 20 per cento del fatturato di novembre 2019 nella propria attività commerciale/artigianale/professionale, anche se non è stata chiusa o sospesa. La contrazione del fatturato dovrà essere autocertificata. Possono inoltre presentare la domanda i nuclei familiari con reddito non derivante esclusivamente dalle attività commerciali/artigianali/ sospese o interrotte da provvedimenti di legge, ma è necessario il possesso dei seguenti requisiti per il mese di novembre 2020: non aver percepito misure di sostegno al reddito, come ad esempio cassa integrazione e assegno di disoccupazione, né redditi da lavoro, da capitale o da pensione, superiori a 500 euro in caso di nucleo monopatentale, aumentato di 100 euro per ogni componente fino ad un massimo di 1000 euro. Numero dei componenti nucleo familiare e reddito pro capite saranno presi in considerazione con necessità superiori a risorse disponibili.  Anche chi ha redditi superiori ai limiti indicati può presentare la domanda, che verrà valutata in via residuale.
3️Anche i nuclei familiari con percettori del Reddito di cittadinanza possono richiedere buoni spesa, ma solo a condizione che a causa dell'emergenza epidemiologica sia venuta meno la componente aggiuntiva del reddito da lavoro dipendente e/o autonomo propria o di un altro familiare, sempre con i limiti di reddito indicati per il caso 2. Fuori fa questo caso, i titolari del Rdc sono esclusi dal beneficio. l'Ufficio dei Servizi sociali valuterà infine le ipotesi relative a situazioni di necessità temporanea per carenza di mezzi economici idonei ad assicurare beni di prima necessità,  per ulteriori interventi. Al termine dell'istruttoria delle istanze, l'ufficio dei Servizi sociali definirà l'elenco dei beneficiari che riceveranno l'avviso di assegnazione dei buoni spesa via email o per contatto telefonico.

L'importo dei buoni spesa parte da 150 euro per nucleo familiare con un solo componente, è di 250 euro per nucleo di 2 persone, 350 euro per nucleo di 3 e di 450 euro per nucleo di 4. Per nucleo formato da 5 persone e oltre il buono spesa è di 500 euro. I buoni saranno emessi secondo l'ordine di collocazione della graduatoria, distinti da numero seriale, e potranno essere spesi presso gli esercizi commerciali convenzionati con il Comune, appena dopo aver raccolto le loro adesioni attraverso apposito avviso pubblico. L'elenco sarà pubblicato sul sito istituzionale dell'ente, all'indirizzo www.comune.pratolapeligna.aq.it.  Il buono spesa potrà avere tagli da 10 e 20 euro, è personale e non cedibile a terzi, utilizzabile solo per l'acquisto di generi di prima necessità. La delibera è consultabile sul sito del Comune.

Nessun commento:

Posta un commento

VIDEO IN PRIMO PIANO :