ULTIM'ORA NAZIONALI

ULTIME NOTIZIE - Il titolare dell'azienda di Satman: "Lo avevo avvisato di non avvicinarsi al macchinario"- Italia maglia nera Ocse per fecondità, 1,2 figli per donna - Diciottenne muore schiacciato da un mezzo agricolo- Per la seconda prova c'è Platone al Classico, matematica allo Scientifico - Putin e Kim firmano un patto di difesa reciproca: sostegno militare immediato in caso guerra-

news

ULTIM'ORA DALLA REGIONE

ULTIM'ORA Marsilio "i cittadini chiedono un'Europa che faccia meno cose, ma che le faccia meglio"- Incidente su ss 16 a Vasto, muore un trentenne - ACS investe 4 milioni per il secondo stabilimento a Tortoreto-

Sport News

# SPORT # Serbia - Slovenia 1 - 1- Il Portogallo batte in rimonta 2 - 1 la Repubblica Ceca - La Francia batte l'Austria 1-0-

IN PRIMO PIANO

LA CITTA’ DI SULMONA HA RICORDATO GLI 80 ANNI DELLA LIBERAZIONE DALL’OCCUPAZIONE TEDESCA

SULMONA VIDEO - "La Città ha ricordato gli 80 Anni della Liberazione dall’occupazione tedesca, durata nove mesi, dal Settembre 1943 al...

TOP NEWS

TOP NEWS REGIONE ABRUZZO

FACEBOOK LIVE CENTROABRUZZONEWS

venerdì 31 maggio 2024

INAUGURATA A PACENTRO LA “SCUOLA DEI DESIDERI”

PACENTRO VIDEO - "Il nuovo polo scolastico, firmato MCA – Mario Cucinella Architects e LAP architettura, dove educazione e innovazione dialogano sinergicamente con l’ambiente
Il tetto giardino esempio di architettura bioclimatica.
Una scuola innovativa, che dialoga con l’ambiente circostante e progettata secondo i desideri dei bambini. È stata inaugurata venerdì 31 maggio a Pacentro (AQ) la Scuola dei Desideri Mario Silvestri, il complesso scolastico nel cuore del Parco della Maiella, Geoparco UNESCO, che dal prossimo settembre svolgerà le funzioni di istituto comprensivo (scuola primaria e secondaria di primo grado) e di centro civico.

Il nuovo edificio è l’esito di un percorso di progettazione partecipata, che ha visto il coinvolgimento degli studi MCA - Mario Cucinella Architects e LAP architettura, delle associazioni Viviamolaq, ActionAid e INDIRE (Istituto Nazionale di Documentazione, Innovazione e Ricerca Educativa), della collettività e, soprattutto, degli studenti, che hanno potuto così dare il proprio contributo nel delineare le caratteristiche della loro “Scuola dei Desideri”.

https://www.facebook.com/CentroAbruzzoNewsSulmona/videos/428421800072036



All’inaugurazione sono intervenuti:
Guido Angelilli, Sindaco di Pacentro, Mario Cucinella, Founder & Design Director di MCA – Mario Cucinella Architects, Daniel Caramanico, Co-Founder LAP architettura, Raffaello Fico, Dirigente Usrc, Massimiliano Nardocci, Direttore Generale Usr Abruzzo.





Guido Angelilli, Sindaco di Pacentro ha dichiarato: “Dopo il terremoto che ha colpito l’Abruzzo, l’esigenza di avere un luogo che fosse il più sicuro possibile, è stata l’urgenza automatica per la nostra amministrazione. Per questo abbiamo fortemente voluto una nuova scuola. E quello che oggi si realizza è un progetto ambizioso che ci ripaga dell’incessante lavoro che abbiamo portato avanti in questi anni. Siamo orgogliosi di consegnare al nostro paese una scuola all’avanguardia nel mondo, segnale inequivocabile del nostro convinto sostegno al sistema scolastico a cui riconosciamo un ruolo fondamentale nell’educazione delle giovani generazioni”.
La Scuola dei Desideri Mario Silvestri ha richiesto un investimento complessivo di 1 milione e 700 mila euro ed è stato finanziato con i fondi stanziati post sisma dal piano “Scuola d’Abruzzo – Il Futuro in Sicurezza”. 




Un’architettura di comunità a servizio dei desideri dei bambini e in dialogo con l’ambiente
Il progetto della Scuola dei Desideri Mario Silvestri nasce per rilanciare il territorio di Pacentro, interessato negli anni da un progressivo spopolamento e dopo i danni subiti dal sisma del 2009. Il nuovo polo scolastico è, dunque, un complesso sicuro, sostenibile, innovativo e progettato in linea con la teoria del learning landscape, secondo cui lo spazio è esso stesso educatore, in quanto influenza la sfera cognitiva, sociale e affettiva di ogni studente. 





L’architettura si fa portatrice di una nuova concezione della scuola come luogo di incontro, di condivisione e scambio di idee ma anche come spazio di eccellenza e veicolo di una cultura del cambiamento. Da qui, l’idea di una grande piazza coperta di 15 metri, colorata, luminosa e adattabile ai diversi utilizzi della vita scolastica e cittadina, che è capace di accogliere e proteggere non facendo distinzioni sociali e mettendo ciascuno in continua relazione con gli altri e con il panorama circostante. Tutti gli ambienti didattici si sviluppano attorno all’agorà centrale e sono definiti da grandi pareti curve, trasparenti e scorrevoli che li rendono ampiamente flessibili e rimodulabili sulla base delle esigenze quotidiane della vita scolastica. Gli interni, inoltre, sono pensati per essere costantemente in dialogo con l’esterno grazie alla presenza di ampie vetrate continue che si affacciano sul panorama appennico circostante.

Elemento caratterizzante del nuovo edificio scolastico è la copertura: un tetto giardino discoidale ricoperto da vegetazione resistente agli stress biotici e abiotici e progettata secondo i principi del design bioclimatico, così da schermare le radiazioni forti estive e da far penetrare quelle utili al riscaldamento interno durante il periodo invernale. I numerosi lucernari presenti, invece, richiamano l’idea del “cielo stellato” e rispondono, così, al desiderio espresso dai bambini di Pacentro di poter vedere la volta celeste dall’interno della loro scuola. All’esterno l’edificio si presenta parzialmente nascosto dal terreno grazie a una “duna” artificiale che lo circonda come un anello, riparandolo dal vento e lo svela gradualmente alla vista di chi si avvicina lungo il percorso di accesso. 





Dichiarazione di Mario Cucinella, Founder & Design Director di MCA – Mario Cucinella Architects: “Progettare una scuola su misura dei desideri dei bambini e della collettività significa prendersi cura di un intero territorio, mettersi in dialogo e in ascolto per creare un luogo capace di farsi interprete di diverse aspirazioni. L’architettura ha un ruolo sociale, in quanto educa e influisce sull’apprendimento e sulle relazioni: dare alle giovani generazioni una scuola bella, sicura, innovativa e pensata per e con loro significa, quindi, aiutare i più piccoli a camminare verso il futuro, offrirgli ambienti da vivere, in cui possano fare esperienze, scoprirsi e riconoscersi.”

Dichiarazione Arch. Daniel Caramanico, Co-Founder LAP architettura: “La Scuola dei Desideri Mario Silvestri è l'esempio di come un progetto che coinvolge bambini, genitori, docenti e - più in generale - la comunità si plasmi autonomamente dalle loro idee, dalle loro speranze. Per noi è stata una scuola in senso lato, dove abbiamo appreso e applicato i principi della progettazione partecipata e sostenibile. Il risultato è un edificio che si integra armoniosamente con il paesaggio, quello del Parco Nazionale della Maiella, Geoparco UNESCO, per questo ecologico e avveniristico. La scuola dei sogni che diventa realtà.”


 

MCA – Mario Cucinella Architects
Fondato nel 1992 a Parigi da Mario Cucinella, lo studio MCA - Mario Cucinella Architects ha oggi sede a Bologna e Milano ed è composto da oltre 100 professionisti. MCA è specializzato nella progettazione architettonica che integra strategie ambientali ed energetiche, avvalendosi di un dipartimento di R&D interno, che porta avanti ricerche sui temi della sostenibilità. Lo studio ha realizzato progetti in Europa, Cina, Africa, Medio Oriente e Sud America. Fra questi: il Nuovo Museo d’Arte – Fondazione Luigi Rovati a Milano; il Nuovo Polo Chirurgico e delle Urgenze dell’Ospedale San Raffaele a Milano; la Chiesa di Santa Maria Goretti a Mormanno; la Nuova Sede del Rettorato dell’Università Roma Tre a Roma; One Airport Square ad Accra, (Ghana); la nuova sede di NICE a Limeira (Brasile); il Sino-Italian Ecological and Energy Efficient Building, a Beijing (Cina).  Lo studio ha in corso di realizzazione circa cinquanta progetti fra i quali: a Milano il masterplan di MIND - Milano Innovation District, il progetto ad uso misto SeiMilano, l’Headquarters Gruppo Unipol; ad Aosta il Polo Universitario della Valle D’Aosta; il Padiglione Italia per Expo 2025 Osaka, a Vienna due torri ad uso misto “Viertel Zwei”; a Tirana, il MET Tirana Building. MCA collabora con SOS - School of Sustainability Foundation, una scuola per giovani professionisti e neolaureati che ha l'obiettivo di fornire loro gli strumenti necessari per affrontare le questioni ambientali con un approccio aperto, olistico e guidato dalla ricerca. La scuola è stata fondata nel 2015 da Mario Cucinella e ha sede a Milano.
https://www.mcarchitects.it/

LAP architettura
Lo studio LAP architettura, fondato nel 2015 da Daniel Caramanico, Federico Sorgi e Simone Esposito, è uno degli studi italiani più promettenti e coinvolti nello sviluppo di progetti sociali e culturali basati su un nuovo modello di progettazione partecipativa, che cresce e si plasma nell'ascolto dei cittadini. Coinvolto in molteplici progetti di ricostruzione e riqualificazione delle aree interne della nostra penisola, le opere dello studio sono accomunate da uno sguardo che si lega al racconto delle tradizioni unito alla ricerca di innovative teorie sulla società contemporanea e sui suoi modi di vivere. Lo stile di progettazione è perfettamente interpretato dalla leggerezza dei volumi che vengono sviluppati in costante relazione tra il contesto e le parti costruite. Lo studio è attivo in campo nazionale ed internazionale in ogni settore architettonico e urbanistico e propone una progettazione che coinvolge committenze, stakeholders e professionisti che interagiscono fin dalle prime fasi del processo creativo. LAP architettura si avvale di una squadra coesa di giovani progettisti, talentuosi e appassionati, che si rinnova continuamente e apre le porte ad architetti e ingegneri, creativi e sperimentatori. Le competenze del gruppo spaziano dall’architettura al design, dall’elaborazione di concept all’ingegnerizzazione.
«Crediamo fortemente che attraverso l’attenzione che poniamo alle relazioni, siano queste di natura formale o interpersonale, l'architettura potrà diventare davvero di tutti. Siamo sicuri che un’opera nata dalle basi dettate dalla “conoscenza e dallo scambio” non potrà che costituirsi come il seme di un nuovo spirito identitario, sia questo un progetto al servizio della comunità, un luogo di lavoro o uno spazio dove vivere». https://www.laparchitettura.com/ 

















Nessun commento: