ULTIM'ORA NAZIONALI

ULTIME NOTIZIE - Mutilato e abbandonato, morto il bracciante indiano a Latina- Putin da Kim a Pyongyang: "Combattiamo contro decenni di imperialismo Usa"- L'Ue apre la procedura sul deficit per Italia, Francia e altri cinque Paesi- Meloni ai maturandi, inizia una grande avventura,date il massimo - Ungaretti, Pirandello, Galasso e Levi Montalcini fra le tracce-

news

ULTIM'ORA DALLA REGIONE

ULTIM'ORA Marsilio "i cittadini chiedono un'Europa che faccia meno cose, ma che le faccia meglio"- Incidente su ss 16 a Vasto, muore un trentenne - ACS investe 4 milioni per il secondo stabilimento a Tortoreto-

Sport News

# SPORT # Il Portogallo batte in rimonta 2 - 1 la Repubblica Ceca - La Francia batte l'Austria 1-0- Romania-Ucraina 3-0 -

IN PRIMO PIANO

VERIFICATORI UNESCO IN MISSIONE AL PARCO NAZIONALE DELLA MAIELLA PER VALUTARE IL RINNOVO DELLA CERTIFICAZIONE A GEOPARCO MONDIALE UNESCO

SULMONA - "Il Parco Nazionale della Maiella ospiterà la prossima settimana i verificatori Unesco per la rivalidazione della certificazi...

TOP NEWS

TOP NEWS REGIONE ABRUZZO

FACEBOOK LIVE CENTROABRUZZONEWS

sabato 17 febbraio 2024

AGRICOLTURA, DANNI PER 18 MILIONI DI EURO DALLA FAUNA SELVATICA. PAOLO FEDERICO: "DOBBIAMO AGIRE ORA"

L'AQUILA - "Sono oltre 18 i milioni di euro di danni causati dalla fauna selvatica alle colture abruzzesi come si legge nell'ultimo rapporto Ispra. I danneggiamenti sono fatti ad opera dei cinghiali che imperversano su tutto il territorio regionale, i lupi nella zona del Carseolano, cervi e caprioli nell'Alto Sangro. Da anni si promettono interventi contro la fauna selvatica, ma il problema resta ancora di drammatica attualità".Così Paolo Federico, sindaco di Navelli e candidato alla elezioni regionali del prossimo 10 marzo nelle fila di Forza Italia nel collegio provinciale dell'Aquila.
 "Come amministratore sono stato sempre al fianco degli agricoltori e dei produttori locali. Sono convinto che almeno una parte di quei fondi debba essere risparmiata risolvendo il problema della fauna selvatica alla base. Insomma non è possibile andare avanti in questo modo. Ho partecipato a diversi tavoli tecnici e di lavoro sull'argomento, ma oltre all'uso delle gabbie per le catture, cacciatori di selecontrollo, fornitura di recinti e dissuasori credo sia necessario fare un salto di qualità e avviare vere e proprie campagne di contenimento".
 "Gli agricoltori e soprattutto i tanti produttori locali che certamente sono piccoli per reggere alle competizione internazionale, lavorano su prodotti dall'alto valore qualitativo come olio, vino, zafferano, aglio rosso di Sulmona, carni di qualità e tanti altri prodotti che per primo mi sono fregiato di far tutelare da Slow Food", ricorda Federico.
 "Queste prelibatezze devono essere tutelate anche con le politiche di contenimento del numero della fauna selvatica e soprattutto ascoltando la voce degli agricoltori. Per questo faccio proprie le tematiche, che in alcuni casi da anni, fanno parte delle rivendicazioni del mondo e del settore agricolo come stop alle pratiche sleali, mantenere cautelato il prezzo dei carburanti e puntando alla qualità dei prodotti. Sono convinto che insieme possiamo farcela", conclude Federico. 

Nessun commento: