---ULTIM'ORA NAZIONALI

ULTIME NOTIZIE - Eitan ritornerà in Italia. Con Aya, la zia paterna - Brusaferro: 'Salgono i ricoveri, l'indice Rt rimane sopra l'uno'- Scuola: Niente dad con un contagio. L'Aifa decide sugli under 12- Caos intensive in Germania: Oms: 'Over 60 non viaggino'- Germania: E' allarme per le intensive. Pazienti anche in Lombardia- L'Alto Adige da lunedì sarà in zona gialla-

news

VIDEO IN PRIMO PIANO - CENTROABRUZZONEWS

CANALE DIRETTA STREAMING - CORDESCA 2021 FINALE

venerdì 5 novembre 2021

LUNEDÌ 8 NOVEMBRE SCIOPERO SERVIZI AMBIENTALI: POSSIBILI DISSERVIZI

SULMONA - "Lunedì 8 novembre si terrà lo sciopero generale dei Servizi ambientali.Le segreterie nazionali di Fp Cgil, Fit Cis, Uil Trasporti e Fiadel lo hanno proclamato il 29 settembre scorso per l’interruzione delle trattative per il rinnovo del contratto collettivo nazionale Utilitalia e Fise Assoambiente.Per questo intendiamo avvertire i cittadini e i Comuni Soci dei possibili disservizi che si potrebbero creare nella raccolta dei rifiuti, nello spazzamento e nel corretto funzionamento delle isole ecologiche.Lo sciopero è proclamato per l’intera giornata di lunedì 8 novembre e riguarderà tutti i turni di lavoro diurno e notturno.A tal proposito chiediamo la gentile collaborazione dei cittadini, che sono invitati, in caso di mancato servizio, a ritirare i mastelli dalla strada, per poi esporli al primo giorno utile dell’EcoCalendario nella zona di riferimento.Come società di servizi pubblici siamo comunque tenuti a garantire una serie di prestazioni indispensabili, come stabilito dall’articolo 8 dell’allegato 10 al Contratto collettivo nazionale dei servizi ambientali.La raccolta dei rifiuti, dunque, dovrà essere garantita nelle scuole, nelle mense pubbliche e private di enti assistenziali; negli ospedali, case di cura, comunità terapeutiche; ospizi, centri di accoglienza, orfanotrofi; stazioni ferroviarie; caserme; carceri.La pulizia sarà, inoltre, effettuata lo stesso nei mercati; nelle aree di sosta attrezzate; nelle aree di grande interesse turistico museale in misura non superiore al 20% dei centri storici (così come individuate dai piani regolatori dei Comuni)".


 

Nessun commento:

Posta un commento

VIDEO IN PRIMO PIANO :