ULTIM'ORA NAZIONALI

ULTIME NOTIZIE - Raid su un campo profughi a Rafah, almeno 45 vittime. Sparatoria con l'esercito egiziano - Tajani, "il governo è impegnato su tre riforme fondamentali"- Bonino: "Dialogo con Calenda? Dobbiamo farlo e sbrigarci"- Duemila persone sepolte dalla frana in Papua Nuova Guinea -

news

ULTIM'ORA DALLA REGIONE

ULTIM'ORA Ladri all'Agenzia delle Entrate a Pescara, rubati oggetti dei dipendenti- Granelli, 125mila Pmi pioniere dell'IA, ma manca personale- Air Show annullato dopo la tragedia all'Aeroporto dei Parchi - Cartoons on the Bay, a Pescara 300 opere da 50 Paesi -

Sport News

# SPORT # Skyrace del Mammut, vincono Forconi e Pallini nella 21km - Sulmona Futsal batte Cures 6 - 2 nell'andata della seminfinale - Il Napoli in ritiro a Castel di Sangro dal 25 luglio-

IN PRIMO PIANO

"CIG PER 70 ALLA MAGNETI MARELLI, FIRMATO ACCORDO CON I SINDACATI"

SULMONA - "E' ufficiale la cassa integrazione allo stabilimento Magneti Marelli di Sulmona. L'accordo è stato siglato nel pomer...

TOP NEWS

TOP NEWS REGIONE ABRUZZO

FACEBOOK LIVE CENTROABRUZZONEWS

venerdì 3 maggio 2024

DALL’ABRUZZO IN CANADA PER RACCONTARE L’ITALIA. SUCCESSO A TORONTO PER IL TRIO LA SCALA DI SETA


TORONTO - "Si è conclusa domenica scorsa a Toronto la settimana di appuntamenti tenuti dal trio “La Scala di Seta”, composto dal soprano Bianca D’Amore di Celano, il pianista Giacomo Cellucci di Sora, e il chitarrista e voce recitante Pasquale Di Giannantonio, di Sulmona. La kermesse è stata organizzata dall’Associazione italo-canadese “Friends in Art”, e in particolare dalla presidente Ester Paris Mauro e dalle sue collaboratriciBenedetta Stellino e Aurora Pagano.Quattro gli eventi, tutti andati in scena nella prestigiosa cornicedella “Joseph D. Carrier” Art Gallery del Columbus Centre di Toronto. Il 23 aprile il trio ha esordito con “Italia da Favola”, un viaggio lungo la Penisola alla scoperta di miti, leggende e favole popolari, con un repertorio musicale tra il colto e il folclorico, dalle villotte friulane alla Danza di Rossini; il 24 aprile una lezione-concerto per gli studenti dell’Istituto “Leonardo Da Vinci” di Toronto, con lettura di passi danteschi abbinati a note arie da camera; il 26 aprile è stata la volta della cena di gala “In cibo musica”, che ha visto alternarsi i piatti curati dallo chef italo-canadese Luciano Schipano con letture tratte dai grandi autori della letteratura italiana e i canti tradizionali regionali d’autore; il 28 aprile si è tenuto l’ultimo appuntamento, “Inno all’amore”, con i versi, tra gli altri, di Ovidio, D’Annunzio e Dante, intervallati da arie d’opera e da camera e dalle più belle colonne sonore firmate da compositori italiani. Entusiastica la risposta del pubblico, che ha aderito alle manifestazioni con partecipazione e grande interesse.



Esprimono grande soddisfazione gli artisti del trio “La scala di seta”, appena rientrati in Italia dopo l’intensa dieci-giorni canadese:

«Siamo orgogliosi di aver raccontato l’Italia a Toronto, attraverso musiche e passi letterari fortemente rappresentativi della nostra cultura» commenta il soprano Bianca D’Amore, che è alla sua seconda esperienza nella città canadese; «Siamo profondamentegrati a Ester Paris Mauro, Benedetta Stellino e Aurora Pagano dell’Associazione
“Friends in Art” per l’organizzazione attenta,curata in ogni dettaglio, oltre che per la calorosissima accoglienza».



Dello stesso avviso il pianista Giacomo Cellucci: «Il repertorio che abbiamo eseguito ha offerto un vero e proprio spaccato di storia della musica italiana ed europea, dal colto al popolare, immergendo il nostro pubblico nelle atmosfere del Belpaese. Grazie all’organizzazione per aver mostrato dedizione e professionalità in ogni momento».

Così anche il chitarrista e voce recitante Di Giannantonio: «È stata un’esperienza intensa, ricca di momenti preziosi. L’affetto che ci ha dimostrato il pubblico al termine dei concerti è stato segno forte di quanto la cultura italiana sappia parlare a tutti, anche a un pubblico prevalentemente anglofono: un’identità forte e capace di unire, annullando ogni distanza tra l’Italia e i suoi figli nel mondo. Grazie a “Friends in art” per aver permesso tutto ciò».

Nessun commento: