ULTIM'ORA NAZIONALI

ULTIME NOTIZIE - Von der Leyen rieletta con 401 voti: "Altri 5 anni, grazie per la fiducia". Fdi ha votato contro- Bce lascia fermi i tassi al 4,25%- A Toti nuova misura domiciliare, "finanziamento illecito"- Von der Leyen: "Non lascerò che gli estremismi distruggano l'Ue"- Joe Biden ha il Covid e ai suoi consiglieri chiede: "Kamala Harris può vincere?"-

news

ULTIM'ORA DALLA REGIONE

ULTIM'ORA Crisi idrica: dispersione, Chieti e L'Aquila tra i peggiori - Tpl, disagi in Abruzzo per sciopero nazionale di quattro ore- Igiene e sicurezza, Capitaneria blocca nave tanzaniana a Vasto- Abruzzo ancora nella morsa del caldo, superati i 40 gradi -

Sport News

# SPORT # Calciomercato Pescara: fatta per il ritorno di Cangiano, accordo totale col Bologna- Calciomercato Pescara: preso Bentivegna, contratto biennale- La partita del cuore, assist di Matteo Renzi per Elly Schlein. E la segretaria fa gol-

IN PRIMO PIANO

CHIETI: TUTTI I PREMIATI DEL PREMIO "GABRIELE D'ANNUNZIO VATE D'ITALIA 2024"

CHIETI - "Tutto esaurito nella sala conferenze del Grande Albergo Abruzzo di Chieti per la prima edizione del Premio Internazionale &qu...

TOP NEWS

TOP NEWS REGIONE ABRUZZO

FACEBOOK LIVE CENTROABRUZZONEWS

sabato 30 marzo 2024

PROCESSIONE DEL VENERDI' SANTO, A SULMONA GRANDE PARTECIPAZIONE

SULMONA - "Il passo penitenziale dello struscio, il canto struggente del Miserere, l’incedere della grande croce vellutata con tralci d’argento, il Tronco, seguita dal Cristo Morto e dall’Addolorata, appena oscillanti sul passo dello struscio, il tenue bagliore dei lampioni, hanno di nuovo affascinato e commosso la grande folla che si è raccolta ieri sera, lungo le vie del centro storico, intorno alla tradizionale processione dei trinitari, uscita all’imbrunire, come tramandano antiche consuetudini e conclusa alla mezzanotte. I confratelli trinitari, 240 in tutto in saio rosso e pettorina bianca, abito simbolo di carità ardente e di purezza, mutuato nel Cinquecento dai trinitari romani, guidati da San Filippo Neri, hanno rinnovato un’antichissima tradizione, che ogni anno attrae in città migliaia di turisti. Il Tronco, risalente al 1750, è opera dell’orafo sulmonese Nicola Gizzi, il Cristo Morto, di autore ignoto, risale alla stessa epoca ed è scultura di scuola napoletana. Sono i simboli del Venerdi Santo sulmonese, animato dal coro di oltre centoventi cantori, che intonano il Miserere, quest’anno nella partitura di Federico Barcone. Particolarmente suggestivo poi l’approdo in piazza Garibaldi, dove i trinitari sono stati accolti dai confratelli di S.Maria di Loreto, in mozzetta verde e tunica bianca, che domani mattina, su quella stessa piazza, rinnoveranno il rito della Madonna che scappa incontro al Cristo risorto. Insieme, trinitari e lauretani, hanno percorso l’ultimo tratto di processione, in segno di fratellanza. Un gesto che domattina, dopo il rito della Madonna che scappa, si ripeterà, quando saranno i trinitari ad accogliere la processione dei lauretani al passaggio nel loro quartiere. Il lento corteo trinitario, preceduto dal complesso bandistico di Introdacqua, che ha eseguito marce funebri di Chopin e Amedeo Vella, si è concluso nella chiesa della SS.Trinità, con la meditazione del vescovo di Sulmona-Valva, Michele Fusco, che si è fermato in preghiera davanti alla bara del Cristo Morto. “Solo abbracciando le tenebre arriveremo alla luce”- ha detto il pastore diocesano. Così si sono vissute le prime emozioni














Nessun commento: