news

---ULTIM'ORA NAZIONALI

ULTIME NOTIZIE - Ecatombe in Turchia e Siria Erdogan nei luoghi del sisma- Mattarella, Benigni e Ferragni nella prima serata di Sanremo- Sono oltre 6.200 le vittime del terremoto. 'Ad Aleppo una catastrofe, serve tutto'- Oltre 5mila morti, si scava tra le macerie. Biden chiama Erdogan. Disperso un italiano-

TOP NEWS

TOP NEWS REGIONE ABRUZZO

IN PRIMO PIANO

PROROGA TRIBUNALI ABRUZZESI, FINA: “ORA CONDIVIDERE PROPOSTA PER RIAPERTURA DEFINITIVA”

L'AQUILA - “L’approvazione in Commissione Affari costituzionali e Bilancio del Senato, in seduta congiunta, della proroga per i tribunal...

CENTROABRUZZONEWS CANALE VIDEO IN DIRETTA STREAMING SUL WEB E SU SMART TV

Canale VIDEO - CENTROABRUZZONEWS

giovedì 29 dicembre 2022

"CARCERE DI SULMONA SEGUE L'IMPRONTA DEL DISASTRO TUTTO ITALIANO. NARDELLA ( UIL PA POLIZIA PENITENZIARIA): IL MINISTRO FACCIA TRASFERISCA I DETENUTI IN PIÙ ED INVESTA PIÙ SOLDI IN UOMINI E RISORSE LOGISTICHE!!!"

SULMONA - "Ci sarebbero da dire un milione di cose sul disastro tutto italiano e che va a riguardare il mondo delle carceri in generale e Sulmona in particolare se si fa riferimento ai penitenziari aquilani. Tuttavia mi limiterò ad elencare quelle che se affrontate come si deve farebbero quanto meno galleggiare una barca che fa acqua da tutte le parti come ad esempio
il trasferimento, ad esempio, dei detenuti ( ad iniziare da quelli che hanno aggredito mesi fa colleghi e che si ritrovano ancora nella stessa sede) in più rispetto alla capienza regolamentare; maggiore investimento in fatto di  personale sia esso di Polizia Penitenziaria che quello facente capo al comparto funzioni centrali e maggiori fondi per la logistica potrebbero, se attuati, sicuramente fare imbarcare ossigeno agli  asfissiati diritti di tutti gli attori in campo.-Esordisce così il segretario generale territoriale UIL PA Polizia Penitenziaria della Provincia dell'Aquila Mauro Nardella-
La CEDU irroga sanzioni all'Italia, come nel caso della sentenza Torreggiani, perché non ritiene che lo stato di diritto nelle carceri sia esercitato secondo gli schemi rappresentati dalle Convenzioni internazionali?
Mi chiedo perché la stessa CEDU non condanni l'Italia anche per lo stato di abbandono nel quale sono stati lasciati i penitenziari  nazionali , Sulmona compresa, visto che anch'essa rappresenterebbe una tortura visto che a rimetterci sono tutti siano essi  detenuti che personale ivi operante?
A Sulmona si vive in uno stato di marasma generale per via, come detto,  di detenuti che aggrediscono poliziotti e non vengono trasferiti; di detenuti che chiedono di essere mandati altrove perché non si ritrovano in quel contesto scolastico e/o universitario per il quale il carcere Sulmonese era stato propagandato e non vengono esauditi nel loro desiderio; per via del fatto che il DAP continua ad inviare soggetti psicopatici ( l'ultimo ieri) pur non avendo il carcere peligno una struttura capace di soddisfare il loro bisogno di cure e per questo motivo impreparata a gestirli.
Cosa dire della questione riguardante il personale se non male se si fa riferimento ai loro diritti disattesi ( ci sono persone con più di 200 giorni di congedo arretrato), ovvero al numero di esso presente e carente in ogni ordine e grado?


Cosa dire della percolante logistica che vede fare da contraltare ad un padiglione nuovo la restante struttura  abbisognevole di ristrutturazione oltre che di adeguamento ai voleri del nuovo regolamento di esecuzione dell'ordinamento penitenziario?
 Muri scrostati, docce ammuffite, pavimenti senza piastrelle e per questo motivo scarsamente igienizzabili; mancanza così come prevede il regolamento di acqua calda e vano docce nelle camere.
Queste appena elencate sono solo alcune delle cose che andrebbero adfrontate ma che non si riesce a capire per quale ragione non vengono elaborate.
Ci avevano assicurato che avrebbero proceduto ad aprire il nuovo padiglione ( che fortunatamente è ancora chiuso) spostando i detenuti da un reparto all'altro al fine di procedere proprio con i lavori di ristrutturazione ma ad oggi nulla si sa di certezze in merito.
Ci avevano promesso che avrebbero riattato il plesso ove sono allocati i collaboratori di giustizia in un più idoneo e sicuro presidio per videoconferenze ( utili per effettuare udienze processuali a distanza) ma nulla è dato sapere sulla sua implementabilità.
Promesse, promesse, promesse....salvo poi ritrovarci con un pugno di mosche e tanti problemi in più in mano.
Il ministro Nordio che sappiamo essere persona seria, schietta e sincera ci venga a trovare a Sulmona.
Venga ad ascoltare quello che abbiamo da dire in merito alla politica adottata da uno dei suoi dipartimenti e, soprattutto, venga a sostenerci fisicamente e psicologicamente perché non sappiamo ancora quando ancora potremo resistere.
Ministro... l'aspettiamo!!!!!"
Mauro Nardella

Nessun commento: