news

---ULTIM'ORA NAZIONALI

ULTIME NOTIZIE - Polemica sull'sos inascoltato 4 giorni prima. Otto le vittime e ancora quattro dispersi- Manovra, flat tax a 85mila euro.Ma si attende il sì dell'Ue- Allerta per le regioni del Sud, atteso nuovo ciclone- L'abusivismo al centro delle indagini. Tra le 8 vittime anche Michele, di 15 anni-

TOP NEWS

TOP NEWS REGIONE ABRUZZO

CENTROABRUZZONEWS CANALE VIDEO IN DIRETTA STREAMING SUL WEB E SU SMART TV

Canale VIDEO - CENTROABRUZZONEWS

sabato 28 maggio 2022

ALESSANDRO COVI VINCE LA VENTESIMA TAPPA DEL GIRO D’ITALIA. JAI HINDLEY E’ LA NUOVA MAGLIA ROSA

Marmolada (Passo Fedaia), 28 maggio 2022 – Alessandro Covi (UAE Team Emirates) ha vinto la ventesima tappa del 105^ Giro d'Italia, la Belluno-Marmolada (Passo Fedaia) di 168km.Al secondo e terzo posto si sono classificati rispettivamente Domen Novak (Bahrain Victorious) e Giulio Ciccone (Trek-Segafredo). Jai Hindley (Bora-Hansgrohe) è la nuova Maglia Rosa.RISULTATO DI TAPPA 1 - Alessandro Covi (UAE Team Emirates) - 168 km in 4h46’34’’, alla media di 35.175 km/h2 - Domen Novak (Bahrain Victorious) a 32" 3 - Giulio Ciccone (Trek-Segafredo) a 37"


CLASSIFICA GENERALE

1 - Jai Hindley (Bora-Hansgrohe)

2 - Richard Carapaz (Ineos Grenadiers) a 1'25"

3 - Mikel Landa Meana (Bahrain Victorious) a 1'51"





LE MAGLIE UFFICIALI

Le Maglie di leader del Giro d’Italia sono prodotte con tessuti SITIP e disegnate da CASTELLI.


Maglia Rosa, leader della Classifica Generale, sponsorizzata da Enel - Jai Hindley (Bora-Hansgrohe)

Maglia Ciclamino, leader della Classifica a Punti, dedicata al Made in Italy - Arnaud Démare (Groupama-FDJ)

Maglia Azzurra, leader del Gran Premio della Montagna, sponsorizzata da Banca Mediolanum - Koen Bouwman (Jumbo-Visma)

Maglia Bianca, leader della Classifica dei Giovani, sponsorizzata da Intimissimi Uomo - Juan Pedro Lopez (Trek - Segafredo)



Pochi secondi dopo aver attraversato il traguardo, il vincitore Alessandro Covi (UAE Team Emirates) ha dichiarato: "Sono andato vicino a vincere una tappa l'anno scorso in due occasioni. Puntavo a sbloccarmi ma sono venuto qua al Giro d'Italia principalmente per aiutare Joao Almeida che purtroppo ha lasciato la corsa. Oggi era una buona opportunità, ho attaccato da lontano perchè non sono uno scalatore puro. Sull'ultima salita mi sono difeso ed è fantastico, sia per me che per il team, riuscire a vincere una tappa su queste montagne mitiche."



La Maglia Rosa Jai Hindley (Bora-Hansgrohe), subito dopo l'arrivo, ha detto: "Sapevo che questa tappa così difficile sarebbe stata cruciale e che se avessi avuto la gamba giusta avrei potuto fare la differenza. Abbiamo risparmiato le energie per oggi e il piano ha funzionato perfettamente. Avevamo Lenny Kamna davanti e mi è stato di grande aiuto quando lo abbiamo ripreso. E' stata una giornata epica. E' difficile dire come andrà la cronometro, soprattutto al termine di una corsa di tre settimane, ma darò tutto per tenere la Maglia Rosa."


La Maglia Rosa Jai Hindley ha detto: “Come squadra abbiamo corso il Giro in maniera intelligente. Abbiamo cercato di cogliere le nostre opportunità senza sprecare troppe energie. Tutto era abbastanza calcolato. Sapevo che se volevo fare qualcosa, oggi era il giorno giusto. Ho dato tutto. Quando ho sentito che Carapaz era in difficoltà ho capito che dovevo spingere fino alla fine. Non è stato facile tornare su questi livelli dopo una stagione difficile come quella dell'anno scorso. Cominciavo a dubitare del fatto che sarei stato capace di tornare a vestire la Maglia Rosa dopo un 2021 difficile. Adesso sono in testa al Giro e domani darò tutto."


Il vincitore di tappa Alessandro Covi ha dichiarato in conferenza stampa: “Forse questo è karma: nel 2019 ho avuto una grande delusione proprio qui sulla Marmolada quando ho perso il Giro d'Italia Under 23. Oggi nello stesso posto ho ottenuto il miglior risultato che potessi sognare come corridore professionista. Sapevo di dover andare in fuga per fare qualcosa di buono. Non potevo aspettare l'ultima salita per muovermi altrimenti avrei perso contro qualche scalatore. Quindi ho attaccato sul Pordoi e ho cercato di spingere a tutta in discesa e attaccare il Fedaia con 2' di vantaggio. Mentre salivo verso il traguardo avevo un dolore incredibile alle gambe, cercavo di mantenere il mio ritmo senza accelerare troppo perché ero vicino ai crampi. Ho vinto qui ma non sono uno scalatore e l'ho capito bene correndo insieme a Joao Almeida.”

Nessun commento: