---ULTIM'ORA NAZIONALI

ULTIME NOTIZIE - Studente si ustiona durante alternanza scuola-lavoro- Russia vieta l'ingresso a Biden e altri mille. Zelensky, colloqui dopo scambio prigionieri- Zelensky: 'La ripresa dei colloqui dipenderà dallo scambio dei difensori di Azovstal'- 'Efficacia booster a 88% contro la malattia severa'-

news

TOP NEWS

TOP NEWS

CENTROABRUZZONEWS CANALE VIDEO IN DIRETTA STREAMING SUL WEB E SU SMART TV

Canale Diretta Streaming - PRATOLA: FIACCOLATA DEL MORRONE SAN PIETRO CELESTINO V 2022

martedì 1 marzo 2022

SPOPOLAMENTO, LIRIS: "AZIONE COMBINATA PER RIDURRE LE DIFFERENZE TRA COSTA E AREE INTERNE"

L’AQUILA – “Riduzione del digital divide, miglioramento delle infrastrutture e dei servizi socio-sanitari. Si muove su queste direttrici l’azione necessaria, e che stiamo portando avanti con determinazione, non solo per combattere lo spopolamento ma anche per aumentare la qualità della vita nelle aree interne, dove spesso è più complesso, sotto vari aspetti, restare o addirittura tornare”.Lo ha detto l’assessore regionale alle Aree interne, Guido Liris, partecipando stamattina alla conferenza stampa in cui sono state illustrate le modalità di accesso da parte dei nuclei familiari all’assegno di natalità contro lo spopolamento dell’entroterra.“La nostra azione è di carattere interdipartimentale e quindi anche interassessorile, perché di fatto tocca tematiche sociali, infrastrutturali e sanitarie”, ha rilevato l’assessore, che detiene anche la delega al Bilancio.“Sull’informatizzazione”, ha aggiunto, “con 106 terminati e 174 in esecuzione, l’Abruzzo, secondo i dati pubblicati dal sito bandaultralarga.italia.it, ha raggiunto la prima posizione in Italia per numero di cantieri della banda ultra larga collaudati al 31 dicembre 2021 per il Piano strategico nazionale, con 104 comuni collaudati su 174 previsti”.

“Un risultato chiaramente ancora parziale ma che indica con chiarezza la strada da perseguire”, ha detto ancora Liris, “che è quella di offrire le medesime opportunità a chi vive nelle zone costiere e urbanizzate e a chi nelle aree interne e montane”.

“Coprire con la banda ultra larga tutta la regione significa coprire anche quelle zone a fallimento di mercato, dove per gli operatori economici privati non è conveniente investire”, ha aggiunto, “e questa è la vera sfida perché le aree interne sono per definizione quelle custodi di autenticità e biodiversità, incontaminate, e per questo, soprattutto oggi, da tutelare.

Nessun commento: