---ULTIM'ORA NAZIONALI

ULTIME NOTIZIE - Covid, per il 118 aumentano i casi di polmonite virale- Il ceceno Kadyrov: 'Lysychansk è caduta'. Su Sumy lanciati 270 missili in 24 ore- Mosca chiude Nord Stream. Ue prepara il piano per il gas- 'Ndrangheta: due arresti a Torino per faida del 2004- Il Nord traina la crescita, più occupati a Sud. L'inflazione schizza all'8%, record da 36 anni-

news

TOP NEWS

TOP NEWS

CENTROABRUZZONEWS CANALE VIDEO IN DIRETTA STREAMING SUL WEB E SU SMART TV

Canale VIDEO - SULMONA: Presentato il Palio della Giostra Cavalleresca 2022

venerdì 26 novembre 2021

TACCONE, L’AMMINISTRAZIONE: LA SUA “CASA” È IL VELODROMO

AVEZZANO - Di Stefano e Simonelli:"la struttura sarà intitolata al Camoscio d’Abruzzo. Amministrazione al lavoro, già da tempo, per “immortalare” per sempre il ricordo del “Camoscio d’Abruzzo”, Vito Taccone, il campione che ha portato in alto   il   nome   della   sua   amata   città:   Avezzano.   Consapevole   del   valore   e dell’amore popolare per l’indomabile scalatore che si fece le “ossa” sui tornanti del monte Salviano, l’amministrazione Di Pangrazio, la prima, nel 2012 portò alla meta il progetto di Antonio Floris, il monumento al valico del Salviano, emise in cantiere la riqualificazione del Velodromo nell’area della pineta. “Il progetto di riqualificazione, in corso d’opera”, ricordano l’assessore e il presidente   della   commissione   sport   e   cultura,   Pierluigi   Di   Stefano   e   Nello Simonelli, “arriverà a conclusione in primavera poiché, per la stesa delle resine sulla pista, è necessaria una temperatura mite: 16°. Ed è qui, nel suo mondo,come   hanno   fatto   i   napoletani   per   Maradona,   intitolandogli   lo   stadio,   che l’amministrazione  Di Pangrazio intende  ricordare per  sempre Vito Taccone”.L’amministrazione comunale, quindi, è più che attenta a onorare e ricordare persempre chi ha dato lustro alla città. “Siamo grati”, sottolineano Di Stefano e Simonelli, “e terremo in conto le istanze   dei  cittadini,   dei   promotori  della   petizione  popolare  e  del   campione Moser che condividono la nostra volontà di onorare Taccone: stiamo lavorandoin quella direzione”. Pollice verso “all’esilio” a un padre della patria, Camillo Benso   conte   di   Cavour   dall’omonima   piazza,   “proposta   estemporanea”   dei leghisti Tiziano Genovesi e Alfredo Mascigrande; porta aperta, invece, all’arrivodi   fondi   regionali   annunciati   dall’assessore   al   bilancio,   Guido   Liris,   per   il restauro della statua, “purché non restino virtuali” come quelli della finanziaria regionale  dello  scorso anno  per  la  riserva del  Salviano,  le  strade fucensi,  il laghetto sul fiume Giovenco a Pescina, i tre portoni a Trasacco e altri che ancora non   si   vedono.   L’Amministrazione   comunale,   comunque,   sempre   aperta   al confronto,   ha   già   avuto   un   incontro   con   i   promotori   della   petizione,   dove Simonelli ha annunciato la convocazione della commissione per far conoscere tutte le iniziative messe in cantiere da tempo dell’Ente e analizzare anche le proposte del comitato per onorare il “Camoscio d’Abruzzo”.

Nessun commento: