---ULTIM'ORA NAZIONALI

ULTIME NOTIZIE - Mosca chiude Nord Stream. Ue prepara il piano per il gas- 'Ndrangheta: due arresti a Torino per faida del 2004- Il Nord traina la crescita, più occupati a Sud. L'inflazione schizza all'8%, record da 36 anni- Kiev, due bambini uccisi da missili a Odessa. 'Mykolaiv colpita con bombe a grappolo'- Von der Leyen all'Ucraina. 'Serve una legge anti-oligarchi'-

news

TOP NEWS

TOP NEWS

IN PRIMO PIANO

GIOSTRA CAVALLERESCA: ECCO IL PALIO DELLA XXVI EDIZIONE

CENTROABRUZZONEWS CANALE VIDEO IN DIRETTA STREAMING SUL WEB E SU SMART TV

Canale VIDEO - SULMONA: Presentato il Palio della Giostra Cavalleresca 2022

venerdì 26 novembre 2021

NASCE A SULMONA “SALV” IL COMITATO ANTI CHIUSURA DEI TRIBUNALI PROVINCIALI DI SULMONA, AVEZZANO, LANCIANO E VASTO

SULMONA - "Il 15 novembre 2021 si è costituito a Sulmona il Comitato per evitare la chiusura dei tribunali di Sulmona, Avezzano, Lanciano e Vasto che si deciso di chiamare SALV dalle iniziali delle città interessate (SALVare i tribunali abruzzesi).L’iniziativa parte da Sulmona per coinvolgere le altre tre città abruzzesi che hanno lo stesso problema.Il Comitato nasce dalla trasformazione di un gruppo di lavoro sullo stesso tema.Vi aderiscono i cittadini che ritengono fondamentale l’esigenza di migliorare l’efficienza del servizio giustizia e considerano estremamente necessario evitare la chiusura del Tribunale per non accelerare il declino della città; ne risentirebbe gravemente anche l’economia del territorio del Centro Abruzzo.Con la riforma della geografia giudiziaria del 2012 sono stati aboliti 30 tribunali non provinciali rendendo più difficile l’accesso al servizio giustizia nei territori che hanno visto soppressi i tribunali e causando non pochi problemi di funzionalità e di efficienza nei tribunali accorpanti, mentre i quattro tribunali abruzzesi di Sulmona, Avezzano, Lanciano e Vasto hanno ottenuto la proroga per gli eventi sismici che hanno reso inagibili i tribunali dell’Aquila e di Chieti.E’ paradossale che si voglia sopprimere un tribunale come quello di Sulmona che, attraverso una riorganizzazione del lavoro fatta negli anni scorsi, ha ottenuto livelli di efficienza tali da portarlo al 5° posto (il primo nel centro sud) sui 140 tribunali italiani nella graduatoria dell’efficienza complessiva dei tribunali elaborata dal Ministero della Giustizia; così come è paradossale che siano soppressi tribunali come quello di Avezzano, che è risultato il primo in Italia per percentuale di abbattimento degli arretrato, o come quelli di Lanciano e Vasto che hanno ottenuto risultati altrettanto importanti.Quello che veramente dovrebbe interessare non è la maggiore o minore dimensione del tribunale, ma la maggiore o minore efficienza del servizio giustizia e il tribunale di Sulmona, come altri tribunali sub provinciali abruzzesi hanno dimostrato con i fatti di aver raggiunto livelli di efficienza che sarebbe dannoso cancellare.Non solo, ma il Ministero della Giustizia ha autorizzato il Tribunale di Sulmona a fare una sperimentazione per una ulteriore possibilità di miglioramento dell’efficienza e di riduzione della durata dei processi, basata sull’elaborazione del progetto “Capograssi”.La Regione ha sottoscritto un protocollo d’intesa che prevede una Cabina di Regia e un Comitato di Coordinamento Scientifico e Organizzativo.Il protocollo stabilisce la possibilità di modifiche e integrazioni, un finanziamento di 400.000 euro e la scadenza al 31/12/2023.I primi obiettivi del Comitato sono quelli di chiedere, in cooperazione con tutte le associazioni interessate, l’avvio urgente della sperimentazione e auspica l’adesione degli altri tribunali abruzzesi a rischio di chiusura.L’avvio della sperimentazione con l’adesione degli altri tre tribunali darebbe all’iniziativa parlamentare, che vede l’intesa di tutti i partiti per un disegno di legge presentato in Commissione Giustizia, un elemento forte finalizzato a giustificare la richiesta della proroga.Infatti, sarebbe assurdo che il Ministero e, quindi il Governo, dopo aver autorizzato la sperimentazione decida di chiudere i quattro tribunali abruzzesi senza attendere la fine della sperimentazione e la valutazione dei suoi risultati.Questa è la sfida che si ha davanti: dimostrare che l’efficienza è possibile e questo a vantaggio dei cittadini che altrimenti subirebbero le chiusure dei tribunali, ma anche per dare esempi di pratiche utili al miglioramento della qualità dei servizi giudiziari italiani e alla riduzione della durata dei processi.E’ quanto ci chiede l’Europa ed è quanto prevede il PNRR presentato dal Governo alla Commissione europea.

Nota a Margine

A sostegno del programma tessuto dal neo costituito Comitato, nonché dall'invito dallo stesso avanzato nei confronti delle parti sociali aderisce, per il tramite del rappresentante territoriale Mauro Nardella, anche la UIL Pubblica Amministrazione Abruzzo che della questione del salvataggio dei tribunali non provinciali e del valore espresso dall'efficienza degli stessi e da quello che ne potrebbe ulteriormente derivare dall'avvento del progetto"Capograssi" ne è stata una costante sostenitrice".


p. il Comitato SALV


f.to Pietro Di Paolo


Vincenza Di Giannantonio


e anche per la UIL PA Abruzzo Mauro Nardella

Nessun commento: