---ULTIM'ORA NAZIONALI

ULTIME NOTIZIE - Mosca pronta allo stop. Onu: 'Non staccare'. Sì di Putin alla missione Aiea a Zaporizhzhia- Meteo estremo e cambiamento climatico, in tutto il mondo più paura e consapevolezza- Meloni: 'Letta discredita l'Italia'. La replica: 'Lei propone follie'- Ucciso da moglie e figli recuperato il cadavere-

news

TOP NEWS

TOP NEWS

CENTROABRUZZONEWS CANALE VIDEO IN DIRETTA STREAMING SUL WEB E SU SMART TV

Canale VIDEO - 60^ EDIZIONE SVOLTE DI POPOLI

mercoledì 1 settembre 2021

MICHELE FINA DESIGNATO COMPONENTE DEL COMITATO DI SUPPORTO AL COMITATO INTERMINISTERIALE PER LA TRANSIZIONE ECOLOGICA

L'AQUILA - "Michele Fina, abruzzese, da tre anni fondatore e direttore del think tank TES - Transizione Ecologica Solidale, è stato designato componente del Comitato tecnico di supporto al Comitato interministeriale per la transizione ecologica (CITE), di cui fanno parte un rappresentante della Presidenza del Consiglio dei ministri e un rappresentante per ogni Ministero componente il Comitato. Fina vi entra a far parte per conto del Ministero del lavoro e delle politiche sociali.Fina dichiara: “Sono onorato di essere stato chiamato ad occuparmi al massimo livello dei temi su cui sono impegnato da sempre, fin da quando ho svolto il compito di Assessore della Provincia dell’Aquila all’Ambiente e prima ancora nell’associazionismo ambientalista. Si tratta di un incarico tecnico in un ambito oggi decisivo, su cui è incentrata come è noto la strategia europea, e italiana, di rilancio per la fase post – pandemica. Il CITE è una significativa novità nata con questo Governo. Abbiamo in realtà già iniziato a lavorare da qualche settimana e abbiamo predisposto un Piano per la Transizione Ecologica approvato dal CITE un mese fa e che adesso sarà discusso dal Parlamento; ora lavoriamo ad un cronoprogramma puntuale. La nomina è ufficiale ora. Metterò, per svolgere il compito, oltre naturalmente al massimo impegno possibile, tutta la competenza che ho coltivato, fino alla nascita di TES: un’intuizione, quella di stimolare un’evoluzione del modello di sviluppo in senso sostenibile con particolare attenzione alle lavoratrici e ai lavoratori, che è diventata negli anni successivi un riferimento per molti governi e istituzioni internazionali. Ne siamo orgogliosi”.


 

Nessun commento: