ULTIM'ORA NAZIONALI

ULTIME NOTIZIE - Il titolare dell'azienda di Satman: "Lo avevo avvisato di non avvicinarsi al macchinario"- Italia maglia nera Ocse per fecondità, 1,2 figli per donna - Diciottenne muore schiacciato da un mezzo agricolo- Per la seconda prova c'è Platone al Classico, matematica allo Scientifico - Putin e Kim firmano un patto di difesa reciproca: sostegno militare immediato in caso guerra-

news

ULTIM'ORA DALLA REGIONE

ULTIM'ORA Marsilio "i cittadini chiedono un'Europa che faccia meno cose, ma che le faccia meglio"- Incidente su ss 16 a Vasto, muore un trentenne - ACS investe 4 milioni per il secondo stabilimento a Tortoreto-

Sport News

# SPORT # Il Portogallo batte in rimonta 2 - 1 la Repubblica Ceca - La Francia batte l'Austria 1-0- Romania-Ucraina 3-0 -

IN PRIMO PIANO

LA CITTA’ DI SULMONA HA RICORDATO GLI 80 ANNI DELLA LIBERAZIONE DALL’OCCUPAZIONE TEDESCA

SULMONA VIDEO - "La Città ha ricordato gli 80 Anni della Liberazione dall’occupazione tedesca, durata nove mesi, dal Settembre 1943 al...

TOP NEWS

TOP NEWS REGIONE ABRUZZO

FACEBOOK LIVE CENTROABRUZZONEWS

mercoledì 22 maggio 2024

GIORNATA MONDIALE DELLA BIODIVERSITÀ. LA BIODIVERSITÀ CHE CREA ECONOMIA: VERSO UNA RINASCITA DELLE AREE INTERNE 17-22 MAGGIO 2024


SULMONA - "Seminari scientifici ed escursioni dell’evento culturale “La BIOdiversità che crea ECOnomia: verso una rinascita delle aree interne” per raccontare le esperienze virtuose di tutela della biodiversità che contribuiscono al rilancio dell’economia nelle aree interne: un ricco programma di eventi che si sono svolti dal 17 al 22 maggio e che l’Ente Parco ha attuato grazie alla collaborazione dei Comuni di Palena e Lama dei Peligni, con all’interno la manifestazione “Palena… nel paese delle orchidee” alla sua 9° edizione (a cura della Proloco Palena).L’evento ha avuto avvio venerdì a Lama dei Peligni, nel centro visita del Parco, con un convegno incentrato sulle iniziative, e sui risultati, che l’Ente ha sviluppato nei suoi 25 anni di attività: la rete degli agricoltori e degli allevatori custodi in primis, con lo sviluppo di filiere e marchio di qualità anche da progetti internazionale come il progetto Life Arcprom per il marchio “bearfriendly”; poi le testimonianze della ricerca scientifica e delle aziende che investono sulla biodiversità e sostengono l’attività istituzionale, con l’Università degli Studi di Teramo sull’individuazione di lieviti non convenzionali per la fermentazione e BioCantina Orsogna che con l’Ente Parco ha creato ben due linee di vini “Vola Volè Maiella National Park”, fermentato con lieviti autoctoni recuperati in area parco e non contaminati da fitofarmaci, e “Pe nin perde la sumende” incentrato sul recupero della memoria contadina e sulla riscoperta e valorizzazione di vecchie varietà agricole; a seguire un focus sulla necessità di regolamentare ancora e meglio la grande ricchezza data dai tartufi nell’intera regione, e infine la bella esperienza del recupero della Comunità di Capitignano, interessata dal terremoto nel 2009 e dalle forti sequenze sismiche nel 2016-2017, attraverso la valorizzazione delle varietà agronomiche (cece e pastinaca).



Con l’Associazione del Peperone Dolce di Altino è stata condivisa l’apertura di una valigia …piena di semi di varietà agricole locali, appartenuta ad un emigrante: la biodiversità come eredità.

Sabato e domenica l’evento “Palena… nel paese delle orchidee” ha visto una ricca partecipazione di escursionisti e appassionati di orchidee, che hanno effettuato escursioni nei Siti di Interesse Orchidologico per osservare la particolare ricchezza di orchidee spontanee: ne sono segnalate 64, tra specie e sottospecie, delle 93 presenti in Abruzzo; inoltre sono state svolte attività di educazione ambientale con gli studenti l’istituto Comprensivo Statale di Palena-Torricella Peligna.




Il convegno “Il capitale naturale dei pascoli secondari: orchidee, api, uomini”, presso il teatro Aventino a Palena, ha visto la partecipazione di importanti relatori delle Università che lavorano a vario titolo con il Parco (Università degli Studi di Napoli, di Perugia, dell’Aquila, di Pisa), che con un approccio integrato, partendo dalla conoscenza delle orchidee e spiegando il significato della loro distribuzione e dei loro delicati meccanismi riproduttivi hanno affrontato la tematica dei graduali e profondi processi di abbandono dei territori rurali e di significativo decremento del patrimonio zootecnico, che modificando gli habitat seminaturali di fatto portano anche alla rarefazione di molte entità biologiche di fasce ecotonali.



Nel complesso l’iniziativa è stata patrocinata dal GIROS e dal CAI Abruzzo, e per quest’ultimo valido quale corso di aggiornamento per i titolati delle commissioni TAM (Tutela Ambiente Montano) a livello sia regionale che nazionale; e nella giornata di domenica è stata patrocinata quale evento nazionale del FAI (Fondo Ambiente Italia).

Queste giornate hanno trattato anche nel dettaglio le attività di conservazione del progetto internazionale LIFE SEEDFORCE, di cui il Parco Maiella è partner beneficiario: la specie di riferimento è l’orchidea Himantoglossum adriaticum, distribuita in maniera frammentata nell’Europa mediterranea: in Appennino la sua presenza è messa a rischio dall’abbandono delle attività agrosilvopastorali, e quindi dall’aumento naturale della vegetazione forestale a scapito dei pascoli secondari e degli orli forestali, habitat dove essa si afferma. Le attività per questa specie permetteranno la tutela dei popolamenti anche al difuori del Parco Nazionale della Maiella, ed entro i confini regionali abruzzesi.




Come sottolineato dal Direttore f.f. e botanico Luciano Di Martino: “L’Ente Parco sta svolgendo da anni ricerche approfondite sulla formazione dell’identità dei paesaggi, comprensive degli studi biologici, geologici, pedologici, etc. e degli insediamenti delle attività agricole e pastorali, con il fine di superare il compromesso fra ecologia ed economia, avviando una riflessione sullo sfruttamento tradizionale estensivo e raccogliendo in sé la sfida di mantenere il legame tra agricoltori, allevatori e paesaggio locale (più propriamente rurale-storico), attraverso la ricostituzione di filiere corte e sostenibili che assicurino il benessere degli operatori economici, il benessere della comunità e la protezione ambientale.”



Per il Presidente Lucio Zazzara: “La biodiversità è il cuore pulsante della nostra Terra, un tesoro inestimabile che ci impegniamo a proteggere e valorizzare ogni giorno. Il Parco è fortemente impegnato nella tutela di questa ricchezza naturale, attraverso progetti di conservazione, monitoraggio e iniziative di sensibilizzazione, ma il nostro impegno non si ferma a questo. Riconosciamo e valorizziamo l’importanza degli aspetti geologici del nostro Parco, che è anche Geoparco UNESCO; in collaborazione con esperti e con il supporto delle comunità locali promuoviamo la ricerca e la valorizzazione di questi siti, offrendo opportunità educative e turistiche che rispettano e allo stesso tempo celebrano la loro unicità. La nostra forza risiede proprio nella collaborazione con le comunità e le realtà locali, insieme cechiamo di sviluppare progetti sostenibili che integrano la conservazione ambientale con il benessere economico e sociale del territorio. Lavoriamo fianco a fianco con agricoltori, educatori, imprenditori e cittadini per creare un futuro in cui la natura e l’uomo prosperano in armonia”.






Nessun commento: