ULTIM'ORA NAZIONALI

ULTIME NOTIZIE - Rivolta nel carcere Beccaria, detenuti barricati- Tre militari della Gdf morti in esercitazione in montagna- De Luca: "Meloni ha comunicato sua vera identità"- Conte: "L'Europa è a un bivio, scegliere tra pace e guerra"- Putin avverte la Nato: "Andate verso la guerra globale"- Houthi attaccano una nave greca al largo dello Yemen-

news

ULTIM'ORA DALLA REGIONE

ULTIM'ORA Stellantis, cig per altri 570 lavoratori ad Atessa - Provincia L'Aquila, al via lavori su Sp 120 e Sp 35 Bis- Danni da peronospora, i sindaci chiedono tempi certi per gli aiuti - Ladri all'Agenzia delle Entrate a Pescara, rubati oggetti dei dipendenti-

Sport News

# SPORT # Il Sulmona futsal è in finale: a Faenza per la A2- Skyrace del Mammut, vincono Forconi e Pallini nella 21km -Il Napoli in ritiro a Castel di Sangro dal 25 luglio-

IN PRIMO PIANO

ALL’ABBAZIA DI SANTO SPIRITO AL MORRONE UNA GIORNATA DI STUDI SUL DIPINTO MURALE DI KURT KNORR

SULMONA - Francesco Sabatini: “La sua firma sul dipinto di Sulmona riempie il vuoto tra il rientro dal fronte orientale e la prigionia iniz...

TOP NEWS

TOP NEWS REGIONE ABRUZZO

FACEBOOK LIVE CENTROABRUZZONEWS

mercoledì 24 aprile 2024

"SERVIZIO DI MAGGIOR TUTELA. SI STA SPEGNENDO ANCHE LA LUCE DELLA SPERANZA"


L'AQUILA - "Avremmo dovuto immaginarlo, avremmo dovuto saperlo, avremmo dovuto prevederlo, avremmo dovuto trovare una soluzione alternativa prima che il sipario delle elezioni regionali si spegnesse, eppure abbiamo continuato a sperare di non essere abbandonati, che una soluzione si sarebbe trovata.Sono passati mesi dalla mobilitazione attiva, dagli scioperi, dagli appelli alla città e alle istituzioni, abbiamo chiesto aiuto e sostegno a tutte le cittadine e i cittadini dell’Aquila, non ci siamo spenti, abbiamo continuato a dialogare con le Istituzioni locali e nazionali, abbiamo atteso risposte, date le mille promesse, ma ad oggi nulla è arrivato.Abbiamo sperato che si potesse trovare una soluzione alternativa a garanzia della continuità salariale ed occupazionale, vista la mancata  volontà del governo ad  applicare,come naturale e giusto,  la clausola sociale.
Abbiamo sollecitato tutta la comunità politica per ricercare una positiva soluzione alla nostra vertenza, l’ultimo incontro si è svolto il 13 febbraio a Roma, al cospetto delle segreterie nazionali,riunite dal Senatore Liris insieme ai vincitori delle aste del servizio a tutele graduali, ma tutto tace, nulla si muove, tutto resta immutato, nessuna risposta è arrivata. Siamo arenati su uno scoglio fatto di mancate risposte ed assunzione di responsabilità.
Mancano solo due mesi al passaggio dal servizio di maggior tutela al servizio a tutele graduali e potremmo trovarci di fronte uno scenario kafkiano, da una parte nuove assunzioni a tempo determinato per   la gestione inbound e back office del servizio delle tutele graduali e dall’altra nuovi disoccupati, già formati e professionalizzati, con il rischio che lo Stato paghi due volte, prima la cassa integrazione in deroga e poi successivamente la Naspi.
Continuiamo a sperare che possa esserci un “futuro”, che una soluzione deve essere trovata, per questo la settimana scorsa, abbiamo fatto l’ennesima richiesta di un tavolo istituzionale al Prefetto, al fine di riaccendere la luce sulla nostra vertenza, siamo fiduciosi che a breve verremo convocati insieme alle Istituzioni locali e nazionali.
Il tempo sta per scadere, non possiamo più attendere oltre, abbiamo bisogno di soluzioni concrete, di soluzioni reali, di risposte attese da troppo tempo, dobbiamo e vogliamo sapere quale sarà il nostro Futuro, vogliamo che qualcuno finalmente si assuma la responsabilità di comunicarci come stanno realmente le cose, quanto valgono le lavoratrici e i lavoratori rispetto alle Lobby di questo Paese".



Le Rappresentanze Sindacali Aziendali
Slc-Cgil, Fistel-Cisl, Uilcom-Uil
V. Raparelli, A. Petracca, G. Alonzi, S. Fioretti,
P. Moretti e F. Pepe


 

Nessun commento: