ULTIM'ORA NAZIONALI

ULTIME NOTIZIE - Guterres, decisioni dell'Aja vincolanti, siano rispettate - La Corte internazionale di giustizia ordina a Israele di fermare l'offensiva a Rafah - Approvato il decreto salva-casa. Anche la Commissione per i conti dei club sul tavolo-

news

ULTIM'ORA DALLA REGIONE

ULTIM'ORA Da Sulmona a Tropea, il 'mangiaplastica' ora in 121 Comuni- A 80 anni da bombardamento, Avezzano ritrova nomi delle vittime - Lago di Scanno, lavori di messa in sicurezza delle sponde- L'Aquila si prepara ad accogliere lo show acrobatico delle Frecce Tricolori, lo spettacolo che accenderà il cielo aquilano nel fine settimana del 25 e 26 maggio-

Sport News

# SPORT # Skyrace del Mammut, vincono Forconi e Pallini nella 21km - Sulmona Futsal batte Cures 6 - 2 nell'andata della seminfinale - Il Napoli in ritiro a Castel di Sangro dal 25 luglio-

IN PRIMO PIANO

PREMIO BENEDETTO CROCE, ASSEMBLEA CONCLUSIVA A POPOLI TERME DELLE GIURIE POPOLARI

POPOLI - "Le 52 giurie popolari del Premio Nazionale di Cultura Benedetto Croce di Pescasseroli,  XIX edizione, si sono riunite a Popol...

TOP NEWS

TOP NEWS REGIONE ABRUZZO

FACEBOOK LIVE CENTROABRUZZONEWS

sabato 13 aprile 2024

"CASERMA AGENTI CARCERE DELL'AQUILA.NARDELLA (UIL PA): DIREZIONE E AGENTI ILLUSI DA UN PROGETTO ANNUNCIATO MA MAI PARTITO!BASTA ORA ALLE PRESE IN GIRO"

L'AQUILA - "La presenza di un presidio residenziale di polizia penitenziaria in un carcere qual è la caserma agenti, come c'ha tenuto sempre a sottolineare la UIL, è di fondamentale importanza soprattutto se si ha a che fare con un istituto di pena tra i più attenzionati che ci siano. Da anni la stessa UIL si sta battendo per provare a fare consegnare nelle mani della direzione del carcere dell'Aquila una caserma più bella e soprattutto con un numero di posti sufficienti a soddisfare le esigenze non solo personali degli agenti ma anche di sicurezza. Del progetto allo scopo disegnato e coperto finanziariamente però non si sa più nulla.
"Del carcere dell’Aquila si continua a parlare sempre e solo di fatti che tutto il mondo oramai conosce e relegati esclusivamente, ahimè, alla tipologia di reclusi "vip" in esso reclusi.
Purtroppo quasi mai si discute dei diritti soggettivi omessi nei confronti di chi i "personaggioni" della criminalità che conta li gestisce. 
Un esempio su tutti? Il non riuscire a vederli  dotarsi di idonei alloggi per l’accasermaggio"

-Torna con vena polemica sulla questione Caserma agenti il segretario generale territoriale UIL PA Polizia Penitenziaria Mauro Nardella-

"Ci avevano quasi illuso quando venimmo a conoscenza dello stanziamento di un milione e seicentomila riservato al progetto di ampliamento dei posti letto da ricavare  attraverso la riattazione della struttura deputata ad ospitare detenuti semiliberi e da anni in disuso"

-Ricorda Nardella-

"È passato un anno da quando la UIL ne aveva dato notizia ma ad oggi di quel progetto non solo non se ne è visto il suo albeggiare ma addirittura non se ne parla più tanto che neanche la Direzione, interrogata in merito nell'ultima tornata contrattuale avutasi la scorsa settimana su questioni afferenti la gestione di altri diritti soggettivi, non ha saputo dare risposte se non un semplice: <non se ne sa nulla>"

- sottolinea incredulo il dirigente sindacale abruzzese-

"Torniamo quindi a ribadire all’Amministrazione Penitenziaria, che bene farebbe ad intervenire e anche  subito per dirimere la questione, di muoversi.
Ad essere messa in discussione non è solo la possibilità per i pendolari di potersi servire di un posto idoneo per il pernotto ma anche, per la stessa Direzione, di dotarsi di un apparato utile alla salvaguardia della sicurezza dell’istituto visto che gli stessi "accasermati" tornerebbero utili in caso di emergenza come nel caso di catastrofi naturali, rivolte e ci aggiungeremmo a coprire i vuoti lasciati da una carenza  organica che sta colpendo inesorabilmente anche un istituto che fino a qualche tempo fa pullulava di gente in uniforme"

- continua Nardella-

"Rivolgiamo quindi nuovamente l’invito alla Direzione Generale del Personale e delle Risorse, oltre che agli uffici per l’Edilizia Penitenziaria, affinché determinino in merito attivando immediatamente il cantiere. 
Ne va come si diceva della sicurezza di uno dei carceri più in vista d'Europa e della dignità di persone che più che "bastonati sugli stinchi" gli venga garantito quel minimo di supporto utile a mantenere accesa quella fiammella pilota che, non si sa ancora per quanto, manterrà sufficientemente attiva una motivazione che sta sempre più scendendo sotto le suole delle scarpe"

-Conclude Nardella-

Il mer 10 apr 2024, 07:45 Mauro Nardella <mauronardella70@gmail.com> ha scritto:


ENNESIMO DRAMMATICO CASO A PESCARA. DETENUTO VA IN ESCANDESCENZA E MANDA 7 AGENTI IN OSPEDALE.
UIL PA POLIZIA PENITENZIARIA: RIEQUILIBRARE I NUMERI, MANDARE NELLE REMS I SOGGETTI PSICHIATRICI E RIPORTARE A PESCARA LA SEDE DEL PROVVEDITORATO.

Ennesimo, drammatico episodio ieri nella Casa Circondariale di Pescara. Un recluso italiano è andato in escandescenza a seguito dell' arresto della moglie. 
Al momento non sono ancora note le dinamiche della sua reazione. 
Quello che si sa è che dalla reazione prodotta dall' energumeno  ben 7 baschi blu di stanza al penitenziario di San Donato sono dovuti ricorrere al Pronto soccorso di cui 6 con 7 giorni di prognosi e 1 in profilassi per aver ricevuto sputi in faccia.
-A dare la notizia è la UIL PA Polizia Penitenziaria Abruzzo-
"Torna alla ribalta un istituto di pena che più che una realtà deputata al contenimento di persone macchiatesi di reati o presunti tali ha preso i connotati di autentico girone infernale"
- afferma Mauro Nardella Vice Segretario generale UIL PA Abruzzo-
"La cronica carenza organica fa da contraltare a un sovraffollamento di detenuti davvero cinico e baro. Tanti, troppi sono gli eventi critici che quasi quotidianamente ivi accadono" 
-spiega invece Il segretario generale Abruzzo Ruggero Di Giovanni-
"Insomma un carcere che se continua di questo passo poco avrà da "invidiare", si fa per dire, a quelli che nel centro america o in  Africa hanno la triste fama di essere poco edibili dal punto di vista dei diritti umani" 
- calca la mano Nardella -
"La UIL PA Polizia Penitenziaria Abruzzo chiede un immediato intervento volto a riequilibrare un sistema troppo fallace per essere definito costituzionalmente integro"
- rilancia Di Giovanni-
"Ben vengano i 20 agenti previsti in arrivo e frutto della decisione partorita ieri, in quel di Roma negli uffici del provveditorato Lazio, Abruzzo e Molise.Tuttavia molto va fatto dal punto di vista della conta numerica dei detenuti.Riportare i dati in linea con la capienza regolamentare e tirare fuori dalle quattro mura i soggetti psichiatrici abusivamente  ubicati nelle carceri italiane, atteso che le strutture deputate alla loro gestione dovrebbero essere le REMS, è il primo passo da fare.
Il secondo è quello di riportare la sede del Provveditorato regionale a Pescara visto che la sua venuta meno bem 10 anni fa ha significato l'attivazione del de profundis penitenziario a Pescara in particolare e in tutti gli istituti abruzzesi in generale"
- Concludono all'unisono i due dirigenti della UIL-

Nessun commento: