ULTIM'ORA NAZIONALI

ULTIME NOTIZIE - Usa 2024, la direttrice del Secret Service: "Abbiamo agito rapidamente"- L'omicidio di Giulia Cecchettin, il 23 settembre processo a Filippo Turetta- Meloni a Bagnoli per il protocollo d'intesa: "Cambieremo le cose"- Trump a Milwaukee per la convention Gop, scende dall'aereo e alza il pugno-

news

ULTIM'ORA DALLA REGIONE

ULTIM'ORA Sentenza choc per sisma L'Aquila, morte colpa di 7 giovani - Avvisi fiscali post-termini con proroga Covid, proteste utenti- Abruzzo ancora nella morsa del caldo, sfiorati i 43 gradi -

Sport News

# SPORT # Calcio: parte il ritiro del Pescara, lascia il ds Delli Carri- La Spagna campione Europa 2024, battuta l'Inghilterra 2 - 1 - Calcio: il Pescara ufficializza il tecnico Baldini-

IN PRIMO PIANO

ABRUZZO IN BOLLA, A L’AQUILA CAPITALE DELLA CULTURA 2026 LA SECONDA EDIZIONE DELLA MANIFESTAZIONE DEDICATA AGLI SPUMANTI ANCORA PIÙ RICCA

L’AQUILA - " Gli affinamenti speciali dello spumante, da quelli sotto l’acqua del mare a quelli sotto la neve in alta quota, gli spuman...

TOP NEWS

TOP NEWS REGIONE ABRUZZO

FACEBOOK LIVE CENTROABRUZZONEWS

domenica 25 febbraio 2024

NUCLEI PER LE CURE PRIMARIE, I GIOVANI MEDICI DELLA FIMMG : "INDIGNATI PER LE PAROLE DEL SEGRETARIO REGIONALE PETRUCCI: I SINDACATI TUTELANO I DIRITTI DEI DIPENDENTI. PIENO APPOGGIO AL SEGRETARIO PROVINCIALE ALBANO"


L'AQUILA -  "Siamo indignati dalle dichiarazioni della segreteria regionale della  Federazione italiana dei medici di medicina generale relative al coinvolgimento dei sindacati dei lavoratori nella battaglia a difesa dei nuclei per le cure primarie". A dirlo sono i giovani medici della Fimmg della provincia dell'Aquila, rispondendo così alle dichiarazioni diffuse questa mattina dal segretario regionale Mauro Petrucci. "Ricordiamo che tali sindacati hanno il compito di tutelare i diritti dei dipendenti dei nuclei di cure primarie che rischiano il posto di lavoro. Mentre continuavamo a lavorare per i nostri pazienti - spiegano i giovani medici della Fimmg provinciale -, abbiamo assistito ai regolari subentri nelle altre aziende sanitarie abruzzesi: lo stallo persiste unicamente nel nostro territorio. La Asl dell'Aquila sta operando una precisa scelta politica di risparmiare proprio sui nuclei di cure primarie e sulle sostituzioni dei medici andati in pensione (secondo quanto si apprende dal piano strategico della Asl provinciale 2022/25), e non è accettabile che su tale questione la Fimmg regionale non abbia mai preso una posizione chiara e netta. Diamo pieno appoggio al segretario provinciale della Fimmg Vito Albano, che in questi due anni si è sempre dimostrato presente e attivo sulla questione dei mancati subentri che, ricordiamo, riguarda la sola provincia dell'Aquila. I suoi interessi sono a tutela dei diritti di noi giovani medici, degli oltre 50mila assistiti e del personale dipendente nei nuclei per le cure primarie. In questi due anni non abbiamo avuto, invece, il supporto che pure abbiamo tanto atteso da parte della segreteria regionale Fimmg. E adesso la richiesta tardiva di un tavolo di concertazione, da noi più volte richiesto, appare come un tentativo di placare le polemiche e procrastinare ogni possibile risoluzione. In conclusione (e speriamo chiudendo una volta per tutte un infruttuoso botta e risposta), ci troviamo obbligati, nostro malgrado, a rispondere all'ultima nota della Asl 1 e dei direttori dei distretti sanitari regionali relativa ai dati dei nuclei per le cure primarie nelle varie province; ribadiamo con forza che, indipendentemente dai numeri, il problema rimane sempre lo stesso: all'Aquila i subentri dei medici andati in pensione non vengono effettuati, a differenza di tutte le altre Asl abruzzesi. Chiediamo ancora una volta  con forza  che i medici attesi da migliaia di pazienti vengano reintegrati, in quanto i nuclei per le cure primarie sono servizi essenziali per i cittadini e le cittadine della provincia dell'Aquila. Non si capisce per quale motivo - concludono i giovani medici della Fimmg della provincia dell'Aquila -, se sino a oggi la nostra azienda è stata virtuosa così come i dirigenti dicono, adesso dovrebbe tornare indietro soltanto perché le altre aziende non hanno avuto il nostro stesso livello di efficienza".

Nessun commento: