ULTIM'ORA NAZIONALI

ULTIME NOTIZIE - Guterres, decisioni dell'Aja vincolanti, siano rispettate - La Corte internazionale di giustizia ordina a Israele di fermare l'offensiva a Rafah - Approvato il decreto salva-casa. Anche la Commissione per i conti dei club sul tavolo-

news

ULTIM'ORA DALLA REGIONE

ULTIM'ORA Da Sulmona a Tropea, il 'mangiaplastica' ora in 121 Comuni- A 80 anni da bombardamento, Avezzano ritrova nomi delle vittime - Lago di Scanno, lavori di messa in sicurezza delle sponde- L'Aquila si prepara ad accogliere lo show acrobatico delle Frecce Tricolori, lo spettacolo che accenderà il cielo aquilano nel fine settimana del 25 e 26 maggio-

Sport News

# SPORT # Skyrace del Mammut, vincono Forconi e Pallini nella 21km - Sulmona Futsal batte Cures 6 - 2 nell'andata della seminfinale - Il Napoli in ritiro a Castel di Sangro dal 25 luglio-

IN PRIMO PIANO

PREMIO BENEDETTO CROCE, ASSEMBLEA CONCLUSIVA A POPOLI TERME DELLE GIURIE POPOLARI

POPOLI - "Le 52 giurie popolari del Premio Nazionale di Cultura Benedetto Croce di Pescasseroli,  XIX edizione, si sono riunite a Popol...

TOP NEWS

TOP NEWS REGIONE ABRUZZO

FACEBOOK LIVE CENTROABRUZZONEWS

lunedì 3 aprile 2023

PROPOSTA DI LEGGE URBANISTICA ABRUZZESE, L’INU PARTECIPA ALLE CONSULTAZIONI: “TESTO DA RICONSIDERARE”

L'AQUILA - “Dubbi sulla struttura giuridica, la coerenza tra le diverse sezioni del testo, le finalità e, in definitiva, la reale efficacia della proposta di legge che un percorso formativo maggiormente condiviso (per il quale il nostro Istituto ha più volte offerto la disponibilità di collaborazione scientifica) avrebbe potuto evitare”: è il giudizio della sezione regionale dell’Istituto Nazionale di Urbanistica sulla proposta di legge sul governo del territorio in discussione nel Consiglio regionale abruzzese. L’INU Abruzzo e Molise partecipa alle consultazioni sul provvedimento. Nell’articolato documento che sarà portato nei prossimi giorni all’attenzione della Commissione Territorio l’INU rileva nel dettaglio contraddizioni e aspetti critici, a partire dai quali ritiene “opportuna una riconsiderazione più approfondita dell’intero testo di legge”.Tra le criticità: la sovrapposizione, che produce incertezze, con la proposta di legge già approvata in Consiglio regionale sulla riduzione del consumo di suolo e la riqualificazione del patrimonio edilizio; ci si limita in molti casi a cambiare denominazione a strumenti già in vigore, affidandosi spesso all’emanazione di Regolamenti che rischiano di rallentare l’attuazione della normativa; il Piano urbanistico comunale delineato dalla proposta di legge non presenta caratteri innovativi ed è indebolito dall’ampia sezione degli incentivi volumetrici; non ci sono riferimenti a rischi e prevenzione per la sicurezza del territorio; il tema della partecipazione è introdotto in maniera eccessivamente semplificata, così come la perequazione urbanistica, la compensazione urbanistica e la perequazione territoriale; non sono definite con sufficiente chiarezza le procedure delle operazioni di desigillazione nell’ambito del contenimento del consumo di suolo; il generoso sistema di incentivi urbanistici può dare luogo ad atteggiamenti speculativi senza che sia prevista la realizzazione obbligatoria degli standard (se ne consente la monetizzazione); si fa confusione tra i concetti di standard urbanistico e di dotazione territoriale; si prevede, in contrasto allo spirito e alla filosofia di tali operazioni, che gli interventi di rigenerazione e riqualificazione di cui al Capo I del Titolo II comportino la corresponsione degli oneri di urbanizzazione in misura doppia, tra l’altro stabilendo che la maggiorazione vada inspiegabilmente corrisposta alla Regione e non al Comune".

Nessun commento: