ULTIM'ORA NAZIONALI

ULTIME NOTIZIE - Guterres, decisioni dell'Aja vincolanti, siano rispettate - La Corte internazionale di giustizia ordina a Israele di fermare l'offensiva a Rafah - Approvato il decreto salva-casa. Anche la Commissione per i conti dei club sul tavolo-

news

ULTIM'ORA DALLA REGIONE

ULTIM'ORA Da Sulmona a Tropea, il 'mangiaplastica' ora in 121 Comuni- A 80 anni da bombardamento, Avezzano ritrova nomi delle vittime - Lago di Scanno, lavori di messa in sicurezza delle sponde- L'Aquila si prepara ad accogliere lo show acrobatico delle Frecce Tricolori, lo spettacolo che accenderà il cielo aquilano nel fine settimana del 25 e 26 maggio-

Sport News

# SPORT # Skyrace del Mammut, vincono Forconi e Pallini nella 21km - Sulmona Futsal batte Cures 6 - 2 nell'andata della seminfinale - Il Napoli in ritiro a Castel di Sangro dal 25 luglio-

IN PRIMO PIANO

PREMIO BENEDETTO CROCE, ASSEMBLEA CONCLUSIVA A POPOLI TERME DELLE GIURIE POPOLARI

POPOLI - "Le 52 giurie popolari del Premio Nazionale di Cultura Benedetto Croce di Pescasseroli,  XIX edizione, si sono riunite a Popol...

TOP NEWS

TOP NEWS REGIONE ABRUZZO

FACEBOOK LIVE CENTROABRUZZONEWS

sabato 25 marzo 2023

BOLLO AUTO, MINORANZE, NO BEFFA BOLLO AUTO, REGIONE HA SBAGLIATO, TROVI SOLUZIONE. TERREMOTATI NON SONO EVASORI. ODG IN CONSIGLIO COMUNALE

L'AQUILA - “Allo studio class action” “Vogliamo una risposta corale dell’intero territorio per contrastare queste ingiusta beffa ai danni dei terremotati. Ma come si fa a far passare una intera comunità per evasori del fisco? Abbiamo depositato un ordine del giorno  urgente di cui chiederemo la votazione nella prossima seduta del Consiglio comunale, per sollecitare il Sindaco dell’Aquila ad attivarsi verso Regione e Governo con il sostegno di tutte le forze politiche presenti nell’assise civica. Dobbiamo ottenere  dalla Regione Abruzzo una rapida soluzione amministrativa e/o legislativa - anche approvando apposita norma - per non far ricadere su cittadine e cittadini aquilani e del cratere una decisione così assurda ed ingiusta.Un chiaro errore procedimentale della Regione che non ha agito nei tempi di legge indicati. Decine di migliaia di cittadini colpiti dal provvedimento, non possono essere trattati come evasori, caricandoli anche di sanzioni e spese aggiuntive. Alla luce delle carte la disposizione regionale è palesemente illegittima. E c’è lo spazio per una vera e propria “class action”.
Dopo 14 anni dal tragico terremoto distruttivo di un vasto territorio comprendente il Comune dell’Aquila ed altri 56 comuni, migliaia di contribuenti residenti nel cratere Sisma 2009, si sono visti recapitare dall’Agenzia delle entrate una cartella esattoriale con la quale si richiede il pagamento del bollo auto dell’anno 2009.
Il bollo era stato sospeso nel 2009 con la richiesta di restituzione del 40% da rateizzare in 10 anni, durante i quali non è arrivato alcun sollecito ai contribuenti.
Molti cittadini hanno perso l'auto sotto le macerie ed altri, a 14 anni di distanza, non sanno più se hanno pagato il bollo e tantomeno potrebbero dimostrarlo  visto che è esaurito  anche il tempo previsto dalla norma  per la conservazione dei documenti di pagamento.
È stata così creata una situazione grave e paradossale in cui persone già martoriate da gravi perdite, si ritrovano a far fronte anche a questo problema.
 Si avvicina l’anniversario del 6 aprile 2009, in cui persero la vita ben 309 persone ed il territorio del cratere sismico ha subito un colpo terribile da cui ci stiamo faticosamente riprendendo. Gli aquilani ed i terremotati del cratere sono sempre stati ligi al rispetto delle regole e certo non dediti alla evasione fiscale di massa.
Appaiono fortemente contraddittorie le procedure seguite in questi 14 anni fino alla emissione delle cartelle esattoriali.
L’Agenzia delle Entrate svolge il ruolo di semplice esattore mentre la Regione Abruzzo è l’ente creditore che pretende la riscossione.
La sospensione delle tasse è stata una grande battaglia civica che fu sancita con appositi decreti che comprendevano anche il bollo auto.
Siamo convinti che questa battaglia possa e debba farsi tutti insieme e che nessuno debba  tirarsi indietro. La Regione può e deve - con atti amministrativi ed una apposita norma - risolvere il problema che ha creato. Il sindaco ha il compito di interpretare questa esigenza e farsi portatore presso la regione ed il Governo di una soluzione immediata. Mancano pochi giorni al 6 aprile e nessuno si può permettere di farci passare per frodatori del fisco.” Cosi Stefania Pezzopane, prima firmataria dell’ordine del giorno con gli altri sottoscrittori Paolo Romano, Enrico Verini, Gianni Padovani, Lorenzo Rotellini, Simona Giannangeli, Elia Serpetti, Emanuela Iorio, Alessandro Tomassoni, Massimo Scimia".

Nessun commento: