---ULTIM'ORA NAZIONALI

ULTIME NOTIZIE - Kiev, distrutto oltre il 30% dei tank russi. Kadyrov, Severodonetsk in nostro controllo- Nepal, persi i contatti con aereo A bordo si trovano 22 persone- Putin a Macron e Scholz: 'Pronti al dialogo' Mosca: 'Nuovo test sul missile ipersonico'- Mosca: 'Nuovo test del missile ipersonico. Kherson ha chiuso gli accessi in Ucraina'- Trump: 'Ci riprenderemo la Casa Bianca'-

news

TOP NEWS

TOP NEWS

CENTROABRUZZONEWS CANALE VIDEO IN DIRETTA STREAMING SUL WEB E SU SMART TV

Canale Diretta Streaming - CENTROABRUZZONEWS

lunedì 13 dicembre 2021

IL PAPA DELLA PERDONANZA: IL GIORNO DEL RITORNO:"LA COSCIENZA E LA FEDE"

SULMONA - "La figura di Celestino V è nel corso degli anni è diventata quasi accessoria rispetto agli eventi connessi alle celebrazioni che lo riguardano. Rischia di essere ricordato più come il “Papa della Perdonanza” agostana, proclamata nella famosa bolla detenuta dalla municipalità aquilana, che come colui che inaugurò una vera e propria “rivoluzione” concettuale nella chiesa. Infatti, al Papa eremita è legata una data che è quella davvero fondamentale: ovvero il 13 dicembre del 1294, quando pronunciò la celeberrima Rinuncia al pontificato per tornare da umile eremita nel luogo dove aveva scelto di vivere per oltre cinquant’anni, il “suo” Morrone.In quel giorno si celebra l’autentica apoteosi di Pietro di Angelerio, papa per caso (ma non troppo) e per volontà di Dio.

Il suo monito avverso le lusinghe e le insidie del potere in quanto tale rappresenta un pietra miliare nella storia e nella cultura occidentale.

Per questo, da quattro anni l’Ufficio Attività Culturali della Regione Abruzzo (ex APC), e l’Associazione Celestiniana Sulmona con “Una Fondazione per il Morrone” e i “Volontari delle Frazioni”, dedicano una particolare attenzione a questo momento della vita del Papa eremita.Dopo la sospensione dovuta al Covid-19, a 727 anni dall’evento, lo si vuole ricordare e celebrare, proprio nel luogo che lui scelse come rifugio dopo l’avventura del papato, il suo eremo sul Monte Morrone, il luogo del RITORNO, inteso come ritorno alle origini della sua scelte di Coscienza e di Fede.


L’evento ha preso il via con una rievocazione in costume del “Ritorno di Pietro” a cura delle associazioni “Volontari delle Frazioni” e “Una Fondazione per il Morrone”.









A seguire aperta esclusivamente ai partecipanti, per concessione del Parco della Maiella e con visita gratuita, la mostra Majella, Domus Christi Domus Naturae, sugli eremi celestiniani.

L’incontro sul tema della giornata si è tenuto nella sede del Parco della Majella, in streaming da Verona lo storico Prof. Paolo Golinelli, autore del celebre volume “Celestino V – Il Papa contadino”, ormai raro e che, per l’occasione è stato possibile acquistare in sala. A seguire l’intervento di Paolo Pietro Giorgi, coordinatore del Movimento Celestiniano di L’Aquila e quindi del Prof. Mario Setta. Quale contrappunto agli interventi, brevi reading del noto attore e regista Pietro Faiella, basate su un testo di Mario Setta.







Nessun commento: