---ULTIM'ORA NAZIONALI

ULTIME NOTIZIE - Kiev, distrutto oltre il 30% dei tank russi. Kadyrov, Severodonetsk in nostro controllo- Nepal, persi i contatti con aereo A bordo si trovano 22 persone- Putin a Macron e Scholz: 'Pronti al dialogo' Mosca: 'Nuovo test sul missile ipersonico'- Mosca: 'Nuovo test del missile ipersonico. Kherson ha chiuso gli accessi in Ucraina'- Trump: 'Ci riprenderemo la Casa Bianca'-

news

TOP NEWS

TOP NEWS

CENTROABRUZZONEWS CANALE VIDEO IN DIRETTA STREAMING SUL WEB E SU SMART TV

Canale Diretta Streaming - CENTROABRUZZONEWS

venerdì 26 novembre 2021

IL COMUNE DI SCONTRONE INCONTRA L'UNIVERSITÀ "LA SAPIENZA" DI ROMA

Visita al sito paleontologico per un gruppo di studenti e dottorandi, coordinati dai docenti Marco Brandino e Silvano Agostini.SCONTRONE – Studenti e dottorandi del corso di laurea in Scienze della Terra dell'Università La Sapienza in visita al sito paleontologico di Scontrone. Nei giorni scorsi il gruppo di studiosi ha partecipato ad una lezione di paleontologia nella cornice dell'importante sito fossilifero, posto a nord dell'abitato del piccolo comune dell'Alto Sangro e situato a circa 1180 metri sul livello del mare.L'attività accademica è stata coordinata dal prof. Marco Brandano, ordinario di Scienze della Terra alla Sapienza di Roma, e dal prof. Silvano Agostini, docente di Geoarcheologia e Archeometria all'Università degli Studi Gabriele D'Annunzio di Chieti-Pescara.L'eccezionale presenza nel sito di ossa e denti di vertebrati terrestri, databili attorno a 10 milioni di anni fa, congiuntamente alla bellezza paesaggistica e naturalistica del contesto in cui il sito stesso è inserito, hanno favorito un appassionante confronto scientifico tra i docenti e gli allievi sui temi dell'evoluzione della terra e delle specie, terminato con un'esercitazione volta alla ricerca di nuovi fossili nelle zone circostanti.


La visita si è spostata poi nel Museo Paleontologico, situato nel centro abitato di Scontrone, in cui i ricercatori hanno avuto l'opportunità di studiare da vicino un'altra parte di significativi reperti rinvenuti dagli abitanti del luogo e di ammirare il suggestivo diorama raffigurante gli antichi ambienti in cui quelle specie hanno vissuto.


"Il geosito – afferma il professor Marco Brandano –, ben organizzato e inserito in un territorio spettacolare, suscita un grande interesse scientifico e rappresenta un ottimo strumento per la divulgazione delle Scienze della Terra. Spero si possano intraprendere nuove ricerche per incrementare le conoscenze dell'evoluzione geologica dell'Appennino centrale ed in particolare di quello abruzzese, partendo proprio dal territorio di Scontrone".

Ad accogliere il gruppo, l'assessore alla cultura Fabio Petrocelli e i consiglieri Giorgio D'Onofrio e Giovanni Paolo Marino. "Auspichiamo – ha commentato Petrocelli – che sia il primo di una lunga serie di incontri: il nostro comune è dotato di un Polo Museale di forte interesse storico-culturale e l'obiettivo è quello di intraprendere tutte le iniziative volte alla sua conoscenza e valorizzazione. Favoriremo il partenariato tra comune ed enti di ricerca, primi fra tutti le università, per promuovere Scontrone anche come vero e proprio incubatore per la ricerca scientifica".  

Nessun commento: