---ULTIM'ORA NAZIONALI

ULTIME NOTIZIE - Eitan ritornerà in Italia. Con Aya, la zia paterna - Brusaferro: 'Salgono i ricoveri, l'indice Rt rimane sopra l'uno'- Scuola: Niente dad con un contagio. L'Aifa decide sugli under 12- Caos intensive in Germania: Oms: 'Over 60 non viaggino'- Germania: E' allarme per le intensive. Pazienti anche in Lombardia- L'Alto Adige da lunedì sarà in zona gialla-

news

VIDEO IN PRIMO PIANO - CENTROABRUZZONEWS

CANALE DIRETTA STREAMING - CORDESCA 2021 FINALE

mercoledì 27 ottobre 2021

"L’A.I.A.S. SEZ. SULMONA A CINQUANT’ANNI DALLA FONDAZIONE E DOPO TANTI SUCCESSI CHIEDE GIUSTIZIA ALLA NUOVA AMMINISTRAZIONE"

SULMONA - "Caro Sindaco, fra le priorità già espresse per il futuro di Sulmona, emergono i problemi della disabilità, a partire dalle barriere architettoniche, ad es.: il plateatico di Piazza Capograssi, dove ai disabili non è possibile accedere. In Via Papa Giovanni XXIII, nei pressi del Tribunale, due anni fa sono stati ripristinati i marciapiedi, ma, di fronte alle strisce pedonali, non è stato realizzato lo scivolo, pur previsto dalla normativa. Circa trent’anni fa, l’A.I.A.S. chiese ed ottenne l’installazione della palina ed il parcheggio riservato nei pressi della stazione di Sulmona; da oltre 5 anni, per consentire giustamente di allargare il marciapiede e grazie all’Ing. Maurizio Gentile, sono state eliminate tutte le barriere architettoniche (rialzamento dei marciapiedi, ascensore, guida per i non vedenti con due ingressi separati), ma la palina verticale e la segnaletica orizzontale non sono stati ripristinati. E’ stato detto dal Comune che, riasfaltando il piazzale, si sarebbero rimessi i segnali, ma ciò non è avvenuto, a danno dei cittadini e turisti disabili. Tutte situazioni che denotano un rifiuto delle persone diversamente abili e delle loro famiglie, che le accudiscono giornalmente.Giova rammentare che l’Associazione non ha ricevuto alcun contributo dalla precedente amministrazione né per il Centro diurno - per una superficie coperta di 500 mq. unica struttura che può accogliere i numerosi ragazzi diversamente abili che terminano la scuola pubblica -, né per la Residenza Villa Gioia - per il “durante e dopo di noi” per una superficie coperta di 1.000 mq. su 10.000 mq. di terreno -, pur essendo inserite nel Piano d’Ambito Distrettuale e che avrebbero permesso anche di impiegare una ventina di addetti.Ci si chiede quanti e come sono stati impiegati tutti i fondi che il Comune, in qualità di Ente capofila dei diciassette Comuni, ha ricevuto per il sociale".


                                                                         Il Vice Presidente A.I.A.S. sez. Sulmona ODV


                                                                                                             Dott. Tito Gentile

Nessun commento:

Posta un commento

VIDEO IN PRIMO PIANO :