---ULTIM'ORA NAZIONALI

ULTIME NOTIZIE - 'A Mariupol 200 cadaveri in un rifugio'. Medvedev boccia il piano di pace dell'Italia- Il primo treno con un carico di grano ucraino è in Lituania- Kiev: 'Bombardamenti a Severodonetsk'. 'Russi preparano offensiva su Zaporizhzhia'- Biden: 'Ambiguità strategica Usa su Taiwan non è cambiata'- Falcone, Ranucci: perquisizioni della Dia a Report e a Mondani-

news

TOP NEWS

TOP NEWS

PRIMO PIANO

NON SI FERMANO ALL’ALT E FUGGONO: DUE GLI ARRESTATI

CENTROABRUZZONEWS CANALE VIDEO IN DIRETTA STREAMING SUL WEB E SU SMART TV

Canale Diretta Streaming - CORFINIO: IL PREMIO NAZIONALE PRATOLA SI CONFERMA EVENTO INTERNAZIONALE SOLIDARIETÀ, DIRITTI UMANI E IMPEGNO CIVILE

mercoledì 29 settembre 2021

CARCERI: SINDACATI IN STATO AGITAZIONE, 'E' EMERGENZA, MINISTERO INTERVENGA'

SULMONA - Manifestazione nazionale di protesta. ''La stragrande maggioranza delle  organizzazioni sindacali del personale del Corpo di Polizia  Penitenziaria, rappresentativa del 95% del personale, ha registrato  un'inaccettabile inerzia del ministero della Giustizia e del  Dipartimento dell'Amministrazione Penitenziaria rispetto alla  gravissima emergenza delle carceri, soprattutto in relazione alle  aggressioni subite dai poliziotti penitenziari e, in particolare,  rispetto ai recenti eventi critici verificatisi a Firenze Sollicciano  e Frosinone''. Lo sottolineano in una nota unitaria Sappe, Osapp, Uil  Pa, Sinappe, Uspp, Cisl, Cgil Fp.Secondo le stesse organizzazioni, ''la politica penitenziaria sta  compromettendo seriamente l'ordine e la sicurezza degli istituti  penitenziari purtroppo a discapito dell'incolumità fisica e  psicologica del personale della polizia penitenziaria''. ''Le condizioni di estremo disagio risentite dai colleghi e la grave compromissione  della sicurezza degli istituti penitenziari, ancor più aggravate da  una intollerabile compressione delle relazioni sindacali, hanno  costretto queste rappresentanze ad indire lo stato di agitazione del  personale e ad interrompere tutte le trattative a livello nazionale,  di provveditorato e in ogni istituto penitenziario - concludono - In  assenza di urgentissimi interventi, la mobilitazione del personale  culminerà con una manifestazione nazionale di protesta''.   

Nessun commento: