---ULTIM'ORA NAZIONALI

ULTIME NOTIZIE - Si tratta su tasse e pensioni. I sindacati vedono Draghi- Manovra al rush finale, sale la tensione sulle pensioni- Stretta sui monopattini. Riparte l'ecobonus per l'auto- 'Eitan deve tornare in Italia'. Il nonno annuncia ricorso- L'Ema avvia l'esame della pillola contro il Covid- Locatelli, per vaccinati J&J probabile altra dose- Pensioni, scontro Lega-Pd Verso la manovra giovedì- E' braccio di ferro su pensioni e tasse-

news

PRIMO PIANO

NOZZE D’ARGENTO FESTEGGIATE IL PROSSIMO WEEK-END PER LA RISERVA MONTE GENZANA-ALTO GIZIO

PETTORANO SUL GIZIO - Nozze d’argento festeggiate il prossimo week-end per la Riserva Monte Genzana-Alto Gizio che ha la sua base operativa...

VIDEO IN PRIMO PIANO - CENTROABRUZZONEWS

CANALE DIRETTA STREAMING - CORDESCA 2021 FINALE

martedì 26 gennaio 2021

RINVIATA A DATA DA DESTINARSI LA RIUNIONE PREVISTA PER IL 28 GENNAIO PROSSIMO DALLA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI PER L’AUTORIZZAZIONE ALLA COSTRUZIONE DEL METANODOTTO

SULMONA - "Su richiesta del Comune di Sulmona, è stata rinviata a data da destinarsi la riunione prevista per il 28 gennaio prossimo dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri per l’autorizzazione alla costruzione del metanodotto.  Esprime soddisfazione il sindaco Annamaria Casini “E’ stata accolta la nostra richiesta, condivisa dai Comuni  e dagli altri portatori di interesse coinvolti, di rinviare la riunione, vista l’assenza della documentazione completa, in particolare dello studio sulla sismicità da parte dell’Ingv, riguardante l’intero tracciato del metanodotto e non solo sulla centrale. Ribadisco la necessità anche di disporre una nuova Via,  obsoleta e inadeguata alle attuali politiche ambientali ed economiche, prima di poter esprimere un parere definitivo su un progetto Snam sul quale continuiamo a definirci contrari in sinergia con il territorio, con i comitati, le associazioni, gli enti e intere comunità, che in questi anni hanno contrastato la realizzazione della centrale a gas e del metanodotto a Sulmona”.Dichiara l’assessore all'Ambiente Manuela Cozzi: “Con questo rinvio la Presidenza del Consiglio dei Ministri ammette l'inadeguatezza della documentazione  inviata per arrivare all'autorizzazione del metanodotto. È fondamentale riportare al centro la necessità di disporre di documenti  tecnici aggiornati e approfonditi su ogni aspetto con cui l'opera impatta sia a livello ambientale, economico, sociale. L'amministrazione insisterà a chiedere con tutti gli altri enti pubblici interessati il rispetto di questi presupposti imprescindibili al rilascio di qualunque altro parere o motivato diniego".
 
 

Nessun commento:

Posta un commento

VIDEO IN PRIMO PIANO :