ULTIM'ORA NAZIONALI

ULTIME NOTIZIE - Il Foglio, Ilaria Salis si candida con Avs alle Europee- Amadeus a Warner Bros. Discovery, sviluppo di nuovi format. Accordo quadriennale- Il G7 conferma il suo "convinto sostegno" a Kiev - "Improbabile un attacco contro l'Iran fino a fine Pasqua ebraica"- Teheran: "Pronti a colpire i nemici con i jet supersonici russi"-

news

ULTIM'ORA DALLA REGIONE

ULTIM'ORA Neve sui monti d'Abruzzo, ai Piani di Pezza -11.4°C - Rischio pluriclasse scongiurato, vertice all'Ufficio scolastico- Accorpamento classi: Fdi, norma per evitarlo è stata introdotta e il Pd votò contro - Stazioni del territorio,Popoli-Vittorito diventa hub dei servizi -

Sport News

# SPORT # Risultati calcio a 5 SULMONA FUTSAL BATTE SAN MARZANO E CHIUDE AL 2° POSTO, PLAYOFF COL TERZIGNO

IN PRIMO PIANO

LA CITTÀ DI PESCINA E L'UNIVERSITÀ D'ANNUNZIO INSIEME PER IL COMPLEANNO DI SILONE

PESCINA - "Pescina in festa: il Primo Maggio 2024, in occasione del 124esimo anniversario della nascita di Ignazio Silone, la Città di ...

TOP NEWS

TOP NEWS REGIONE ABRUZZO

FACEBOOK LIVE CENTROABRUZZONEWS

sabato 4 novembre 2017

CERIMONIA 4 NOVEMBRE CON IL GRAZIE ALLE FORZE ARMATE PER L'INTERVENTO NELL'INCENDIO DEL MORRONE. APPELLO AI GIOVANI E ALLA PACE

SULMONA - Nel Giorno dell’Unità Nazionale e nella Giornata delle Forze Armate, nei quattro capoluoghi di provincia della Regione Abruzzo e nei principali centri abruzzesi, si sono svolte cerimonie commemorative dell’evento.Anche a Sulmona si è svolta una cerimonia in piazza Carlo Tresca .Il 4 novembre 1918, dopo quasi tre anni e mezzo di battaglie, con l’entrata delle truppe italiane vittoriose a Trento e Trieste, aveva termine la Grande Guerra, che comunque segnò il raggiungimento della completa unità nazionale. Cinque milioni di uomini  appartenenti a tutte le classi sociali furono chiamati alle armi e per tre anni e mezzo combatterono spalla a spalla vivendo sofferenze ai limiti dell’umana sopportazione.
In questa giornata, s’intende ricordare tutti coloro che hanno sacrificato il bene supremo della vita per un ideale di Patria e di attaccamento al dovere: valori immutati nel tempo per i militari di allora e di oggi. Come tradizione, anche quest’anno, in Abruzzo, in occasione del 4 Novembre, si svolgeranno una serie d’iniziative per consolidare un incontro fra cittadini ed istituzioni militari e civili dello Stato.
  “Siate oggi più che mai fieri del compito vitale e arduo che vi è stato affidato con la consapevole fedeltà degli uomini liberi. Rinnovate ciascuno di voi il severo impegno di disciplina che vi vincola al servizio della collettività per un comune avvenire di giustizia e di pace”. Le parole sono del compianto Presidente della Repubblica Italia Sandro Pertini, rivolte alle forze armate del paese e pronunciate il 4 novembre 1984. A riprendere quel celebre discorso è stata Annamaria Casini, sindaco di Sulmona, intervenendo nella cerimonia di piazza Carlo Tresca, dopo il rito dell’alzabandiera e la deposizione di una corona d’alloro sul monumento dei caduti e il “simpatico” fuoriprogramma, non per agli addetti ai lavori, dell’uscita del Gonfalone della città di Sulmona prima del discorso del sindaco. L’appello del primo cittadino è per i più giovani. “Il mio messaggio è rivolto ai giovani”- interviene Casini- “affinché possano conoscere e comprendere i diritti e i doveri, l’importanza del rispetto delle istituzioni, il senso di responsabilità verso il paese”. Non è mancato il ricordo di Fabrizia Di Lorenzo, la giovane di Sulmona uccisa a Berlino dopo l’attacco terroristico del dicembre 2016 e il grazie sentito a tutte le forze armate che hanno assistito la popolazione nel corso delle emergenza, l’ultima l’incendio del Morrone. Alla cerimonia sono intervenute le associazioni combattentistiche e d’arma ma anche consiglieri e assessori comunali unitamente alla Presidente del Consiglio Comunale Katia Di Marzio che ha proclamato il discorso del Capo dello Stato Sergio Mattarella, al Vice Presidente dell’assise civica Fabio Ranalli che ha letto la preghiera per la patria, alla senatrice Paola Pelino e all’amministratore diocesano mons. Aladino De Iuliis.