ULTIM'ORA NAZIONALI

ULTIME NOTIZIE - Rivolta nel carcere Beccaria, detenuti barricati- Tre militari della Gdf morti in esercitazione in montagna- De Luca: "Meloni ha comunicato sua vera identità"- Conte: "L'Europa è a un bivio, scegliere tra pace e guerra"- Putin avverte la Nato: "Andate verso la guerra globale"- Houthi attaccano una nave greca al largo dello Yemen-

news

ULTIM'ORA DALLA REGIONE

ULTIM'ORA Stellantis, cig per altri 570 lavoratori ad Atessa - Provincia L'Aquila, al via lavori su Sp 120 e Sp 35 Bis- Danni da peronospora, i sindaci chiedono tempi certi per gli aiuti - Ladri all'Agenzia delle Entrate a Pescara, rubati oggetti dei dipendenti-

Sport News

# SPORT # Il Sulmona futsal è in finale: a Faenza per la A2- Skyrace del Mammut, vincono Forconi e Pallini nella 21km -Il Napoli in ritiro a Castel di Sangro dal 25 luglio-

IN PRIMO PIANO

ALL’ABBAZIA DI SANTO SPIRITO AL MORRONE UNA GIORNATA DI STUDI SUL DIPINTO MURALE DI KURT KNORR

SULMONA - Francesco Sabatini: “La sua firma sul dipinto di Sulmona riempie il vuoto tra il rientro dal fronte orientale e la prigionia iniz...

TOP NEWS

TOP NEWS REGIONE ABRUZZO

FACEBOOK LIVE CENTROABRUZZONEWS

lunedì 8 aprile 2024

"NO ALLO SMANTELLAMENTO DELLA SCUOLA IN VALLE SUBEQUANA"


CASTELVECCHIO SUBEQUO - "E' mobilitazione in Valle Subequana a difesa della scuola. Questa mattina genitori e alunni, affiancati da sindaci e amministratori, si sono radunati davanti all'ingresso delle scuole cittadine di Castelvecchio Subequo in un presidio pacifico per dire no allo smantellamento della scuola media nel territorio subequano. Tutto parte dalla comunicazione pubblicata in data 5 aprile 2024 sul portale Argo in merito all'organico di diritto assegnato per la formazione delle classi nella Scuola Secondaria di Primo Grado del plesso di Castelvecchio Subequo.  Nella nota informativa si legge che per l'anno scolastico 2024/2025 si autorizza la pluriclasse prima/terza media con un numero pari a 18 alunni.Una doccia gelata per la comunità scolastica subequana, con amministratori e rappresentanti scolastici che, in un lungo incontro svoltosi in mattinata con la dirigente scolastica del Comprensivo di Raiano,  hanno manifestato tutto il loro dissenso e i loro timori per il futuro non solo prossimo, ma anche a lungo termine, dell'intero territorio, cuore dell'entroterra aquilano. 




Per questo, da sabato 6 aprile sono in corso iniziative di dissenso a partire dall'astensione dalle attività didattiche degli alunni della scuola secondaria di primo grado del plesso di Castelvecchio Subequo, che ha coinvolto oggi anche gli alunni della primaria. Iniziative che continueranno con tutti gli strumenti adeguati a reclamare il diritto degli alunni ad avere un'istruzione adeguata, che affianchi alla crescita didattica il loro benessere emotivo e psicologico.




“Non siamo un mondo a parte- dichiara il Comitato spontaneo di genitori che si è formato dopo l'accaduto- siamo parte del mondo e abbiamo bisogno che le istituzioni stiano dalla parte dei nostri ragazzi affinché realizzino i loro sogni e le loro aspirazioni nei modi costituzionalmente sanciti. Ci resta difficile pensare- conclude-  che questo sia possibile con una pluriclasse che mette insieme alunni che iniziano un nuovo ciclo scolastico con alunni che si preparano alla sfida di un nuovo ciclo superiore”. In questa parte dell'Abruzzo cosiddetta delle “aree interne”, la scuola non è solo un servizio, ma anche e soprattutto un baluardo costituzionale che, in questi anni difficili provati dal post terremoto e dalla pandemia, è stato strumento essenziale di crescita democratica. Per questo- continua il Comitato- si ritiene che la decisione intrapresa metta a rischio in primo luogo il pieno adempimento del diritto all'istruzione, universalmente riconosciuto a tutti, senza distinzione di territori e di numeri. Inoltre, appare ancora più incongruente in rapporto all'evidenza politica nazionale e regionale di sostegno alle aree interne, con misure specifiche e continue (ultime quelle del PNRR) di contrasto allo spopolamento e all'impoverimento culturale e sociale”.




Sulla stessa lunghezza d'onda i Sindaci e gli amministratori della Valle. “Siamo al fianco dei genitori in questa legittima protesta- hanno dichiarato all'unisono A seguito dell’incontro con la Dirigente scolastica dell’Istituto Comprensivo di Raiano, siamo ancora più determinati ad intraprendere tutte le iniziative necessarie affinché il diritto allo studio in Valle Subequana sia garantito e non mortificato. Siamo inoltre pronti e disponibili ad interloquire con gli organi di Governo competenti affinché si prestino le necessarie attenzioni a motivazioni di carattere socio ambientale e non meramente numeriche. E’ arrivato il momento di cambiare la legge attraverso riforme strutturali”.





I genitori degli alunni delle scuole del plesso di Castelvecchio Subequo
I sindaci di Castelvecchio Subequo, di Secinaro, Gagliano Aterno, di Molina Aterno, di Castel di Ieri e Goriano Sicoli".



Nessun commento: